Un libro fuori posto


Un libro fuori posto. Chi ha visto il mio studio potrebbe pensare che non faccia notizia. Eppure, “fuori posto” non vuol dire fuori dalla libreria. Fuori posto vuol dire che qualcuno l’ha preso in mano e l’ha spostato rispetto a dove l’avevo messo io (niente di grave, ovviamente: so benissimo chi è stato e va bene così). Io me ne accorgo.

Un libro fuori posto, dunque. Lo riprendo in mano, lo apro: do un senso al disordine.

Quin igitur expergiscimini?

E’ strano come il caso, qualche volta, faccia saltare all’occhio la frase giusta.

Una frase che desterebbe chiunque. Svegliatevi! Allarga un po’: un discorso forte, di buon senso. Zoom indietro ancora: un discorso elettorale pronunciato da un farabutto.

E’ una questione di grandangolo: vedi il contesto e capisci che quel che prima sembrava un mondo fantastico è solo scenografia. Le parole vanno in bocca a chi le pronuncia, e costui va in braccio alla sua storia e alla sua geografia. E le storie si intrecciano, le geografie si sovrappongono, ed ecco nuovi personaggi, nuove parole, e il peso diverso che queste iniziano ad assumere rispetto alle prime. Storia e geografia, tempo e spazio, cause e conseguenze.

Lucio Sergio avrà sempre auditori pronti, che pendono dalle sue labbra allenate. Riuscirà sempre a dire le parole giuste affinché tanti lo seguano, si sveglino, combattano per lui. Il suo è l’appello ai miopi, o ai nani: a coloro che si disegnano un cerchio intorno e lo chiamano mondo. A coloro cui basta la parola, non importa chi e come la emette.

Una domanda mi rimane: ma se avesse vinto lui, avesse poi cambiato le regole per giustificarsi, sarebbe diventato lui il “buono”? E’ tutto davvero così tanto relativo? O forse, ad allargare ancora il campo, a guardare altre storie e altre geografie, l’avremmo comunque visto per il pericoloso criminale che era?

Mettiamole sui piatti di una bilancia, le immagini. Da una parte il topo, il nano, il miope; dall’altra l’aquila, il gigante, il lungimirante. Chi vorrebbe stare sul primo piatto, potendo scegliere di sedere sul secondo? Ed è questo che dobbiamo ricordare e ricordarci: la saggezza del paio di passi indietro, dello sguardo d’insieme.

Non è il solo significato, ammesso che possa essere univoco, a dare il senso a un discorso. Conoscerne le motivazioni, le origini, gli scopi, in poche parole sapere chi è e cosa vuole chi lo pronuncia, ne completa e definisce il senso anche quando le parole risultano chiarissime e sembrano dire tutt’altro. E questo lo sappiamo benissimo, fin da bambini. Eppure, quando Lucio Sergio parla, ci caschiamo ancora.

Il proverbio dice che l’albero si riconosce dai frutti. Ed è per questo, Lucio Sergio, che non puoi nasconderti dietro il paravento della privacy. Dobbiamo conoscere i tuoi frutti per sapere che senso dare alle tue parole e decidere se seguirti o no. Proprio tu, che ci chiedi di svegliarci e di combattere per te, prototipo del politico, devi vivere in una casa di vetro, per permetterci di vedere l’anima che chiama la nostra alla condivisione. Altrimenti è falso, una patacca, e magari vincerai per un po’, ma troverai prima o poi un Marco Tullio che ti inchioda alla fine di una parabola, svelando la vacuità e i fini nascosti.

Avresti dovuto stare attento. Non hai solo mentito dicendo il falso per il vero, hai anche ingannato, mettendo i desideri di chi ti ha seguito al servizio dei tuoi progetti. Ti è servito ad aver fama, e famoso rimani dopo tanto tempo: ma è la fama nera dell’antiesempio, il tuo nome associato ai vari poveretti di turno che, ignari della storia, della letteratura e della natura umana, ripetono i tuoi stessi errori.

E avete perso, tutti voi. Quin igitur expergiscimini?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: