Malaugurio (a fin di bene)


In una stessa giornata, ecco gli opposti.

Nel giorno tragico della Lunigiana, gli impegni di Bruxelles.

Le Cinque Terre, Aulla, Borghetto Vara oggi ci dicono che certi costi sono insostenibili per i pochi a cui viene presentato il conto, ma se possono essere divisi tra tanti, non rendono impossibile pagarli. Ricordano che di fronte a certe catastrofi, preannunciate o no, non importa, l’essere in pochi o tanti a dare sostegno fa la differenza che c’è tra il dover fuggire da casa senza più nulla e il poter sopravvivere e ricominciare con speranza. Si chiama solidarietà. E’ di solito gratuita, motivata dal benessere che dona e, al massimo, dal pensiero di poterla ricevere a nostra volta, quando saremo noi ad averne bisogno.

Gli impegni di Bruxelles ci parlano della necessità di far cassa presto, e anziché far pagare chi più ha e più ha preso e sbagliato, si pone una alternativa tra i dipendenti a fine carriera e i precari che non riescono ad entrare nel mondo del lavoro; anziché tagliare i costi della politica si tagliano i trasferimenti agli enti che erogano servizi ai cittadini; anziché preoccuparsi di affrontare un momento di grave crisi in modo socialmente coeso e piantando i semi per la primavera che potrebbe ancora esserci alla fine dell’inverno, ci si accontenta di orizzonti ristretti e obiettivi minimali. Si chiama difesa dei privilegi. Si nutre di interessi privati e della convinzione di non poter mai perdere, di dover continuare a vincere e guadagnare, a dispetto di tutto e di tutti.

Credo che in tanti, oggi, preferiremmo pagare cento euro sapendo di contribuire ad alleviare i disagi, l’angoscia, la disperazione dei nostri concittadini liguri e toscani, che pagarne venti per coprire i conti di uno Stato in cui si evadono cento miliardi di tasse ogni anno (fonte UIL), in cui si parifica l’età pensionabile delle donne a quella degli uomini senza però finanziare una reale parità di ruoli e concrete politiche famigliari, in cui si taglia su tutto allo stesso modo senza il barlume di un’idea strategica su cui invece investire, in cui lo slogan (peraltro falso, visto che l’IVA la pagano quasi tutti) di "non mettere le mani nelle tasche degli Italiani" vuole in realtà dire che chi ha tanto da potersi permettere di scegliere servizi privati non vuole accollarsi la responsabilità di rendere i servizi pubblici di buon livello per tutti: ognuno per sé.

Ma dove pensate di andare, ognuno per sé? Ci vorrebbe anche per voi una disgrazia: non una disgrazia da rimanerci, una piccolina, abbastanza cattiva, però, da farvi capire che avete bisogno anche voi degli altri, della loro solidarietà. E vi auguro di trovarla, ovviamente. E di poterla mettere di fianco alla difesa dei vostri privilegi con consapevolezza. Non ho dubbi su cosa scegliereste, alla fine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: