Open Day


Venerdì parcheggio di fronte al Dipartimento, scendo e mi avvio verso l’ingresso, quando mi sento chiamare: “prof! prof!”.

Sentirmi chiamare così è insolito, da qualche tempo; il piacere che mi dà non è, ovviamente, per il titolo, ma perché mi riporta a una dimensione che un po’ mi manca.

Era un gruppo di studenti del liceo “Fermi”, in visita all’Università per gli Open Day. Studenti di cui ero stato insegnante di fisica in prima e seconda e ora, a poche settimane dall’esame di stato, venivano a informarsi. Alcuni incerti tra ingegneria e fisica. Io, con gli Open Day non c’entravo, ma ci sono entrato con loro, in quella mezz’oretta in cui hanno atteso che iniziassero i programmi della mattinata.

Mi è già capitato altre volte, e per questo mi sorprende la sorpresa che mi coglie. Eppure non riesco a non stupirmi di fronte allo scarto tra i quattordici-quindicenni impacciati, titubanti, un po’ confusi di allora e i diciotto-diciannovenni di oggi, le loro domande impegnative, le loro idee più o meno chiare.

Uno mi sembra perplesso quando gli spiego che in realtà a fisica si entra portando solo quel che esce dalle superiori. Ma come, sembra chiedere, non c’è bisogno di prepararsi in modo matto e disperatissimo prima che inizino le lezioni?

Un altro dice che non vuole scegliere un corso facile, non lo spaventano i corsi difficili, ma non vorrebbe finire dentro una cosa in cui solo gli Einstein ce la fanno.

Li porto nel mio corridoio e, non potendo entrare nella mia stanza per mancanza di chiavi, li conduco dalla dott.ssa Polverini, che gentilissimamente spende una ventina di minuti con loro, parlando di proteine, di biofisica, di dinamica molecolare, del corso di laurea e altro. E intanto io li guardo, e vedo attenzione, vedo interesse, vedo apertura.

Alla fine vedo gratitudine. Quella espressa la sento, quell’altra la vedo. E capisco che quando Eugenia e io abbiamo detto loro che l’importante è scegliere qualcosa di cui sono in grado di appassionarsi, loro erano d’accordo, sapevano di cosa si stava parlando.

Sono contento. E, devo dire, in modo disinteressato perché il mio contributo in tutta questa storia è stato davvero marginale. Sono contento perché ho visto delle persone in gamba. Sono convinto che qualunque cosa sceglieranno, potremo tutti esserne soddisfatti.

Annunci

2 commenti

  1. Non c’è niente di più contagioso della passione. Evviva gli untori!

    1. Benvenuta, Prishilla! Evviva gli untori!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

il blog di frank iodice

“A volte penso che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana”.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: