Scodinzolii


Fenomeno finora abbastanza limitato al mondo dei tabloid anglosassoni, l’attenzione dedicata alle wags sta finalmente e inesorabilmente contagiando anche i giornali nostrani.

Wags: wives and girlfriends, acronimo che finisce con il significare in inglese diverse cose divertenti tra cui il movimento caudale del canide soddisfatto. Quando, nel contesto, si riferisce alle compagne dei calciatori. In realtà, non solo dei calciatori: in uno dei primi incontri ufficiali dei capi di governo europei, con famigliari al seguito, era stato seguito dalla stampa anche il gruppo delle wags, incluso anche il marito di Angela Merkel, con una buona dose di umorismo.

Torno però ai calciatori. Se questi hanno mediamente mogli bellissime, qualche volta anche famose prima del loro intervento, questo non mi sorprende né mi infastidisce. Io auguro a ciascuno una vita serena, lunga e prolifica.

Sono però colpito dall’insorgenza di questa nuova categoria: la wag. Mi sembra davvero l’avanguardia, antropologicamente parlando. In un tempo e in un Paese in cui abbiamo importato ogni forma di politically correct, tanto da scardinare anche forme consolidate nella lingua e nel discorso, pardon, nel “diversamente corso”, riusciamo a unificare, con la solita strizzatina d’occhio, donne di diversissima origine, professionalità, situazione sentimentale, cioè sostanzialmente persone distantissime, nell’insieme delle wags. Cioè, come dire, queste donne hanno in comune l’accompagnarsi a una celebrità. Chissà se sono amiche tra di loro, se hanno fondato un club per sostenere questa nuova appartenenza, se qualcuna pensa di lasciare il lavoro per dedicarsi a tempo pieno allo scodinzolio, accompagnando la propria fonte di definizione agli allenamenti, dal parrucchiere, in biblioteca, a Coverciano (per le più wags di tutte).

Io sono convinto che tra gli importatori di questa meravigliosa novità nel panorama sociale italiano ci siano anche giornaliste donne. Sono altresì convinto che l’ammiccamento dei colleghi uomini sia scontato, e che le celebrità stesse, quasi tutte forse, in fondo in fondo, traggano qualche forma di piacere nel vedere illuminate della propria luce le donne-satellite che scodinzolano intorno.

Ma credo, invece, che queste donne, quasi tutte, vivano con fastidio questa novità, l’essere le wag. Non perché le macchi o tolga loro dignità. Macchie e dignità dipendono da loro e dalla loro consapevolezza, e sono, alla fine, unicamente affar loro. Ma piuttosto perché, tramite loro, questa novità continua a dipingere un modo di vedere la donna che trascura tutto di lei e mette in evidenza solo il maschio che la ospita sotto le coperte.

Vorrei ricordare, tanto per rimanere nel mondo del pallone, una donna, che ora non c’è più, che è stata oggetto da parte del marito-celebrità, di un gesto inconsueto in quel mondo e, credo, di grande rispetto; lei, non wag ma moglie, ha visto il marito, sposato da calciatore e ora allenatore rinunciare al proprio lavoro, a un ricco contratto con la Roma, per poterla assistere negli ultimi mesi di vita. Niente di che, sono d’accordo: quasi qualunque marito qualunque, potendoselo permettere e trovandosi nella situazione, l’avrebbe fatto o lo farebbe; è che in una storia raccontata così non ci sono scodinzolii, non ci sono annullamenti di identità. Ci sono invece due persone che mettono in gioco tutto quel che hanno, c’è un rapporto d’amore, di stima e di rispetto, ci sono due volti precisi: quelli di Manuela Caffi e di Cesare Prandelli.

Sarebbe bello che i giornalisti e le giornaliste che parlano di wags imparassero il rispetto e la delicatezza.

Un commento

  1. […] di calcio sembrano un almanacco ambulante: ricordano risultati, marcatori, spettatori paganti, wags in tribuna e aneddotica delle ultime trenta stagioni, e, a volte, sono in grado di tirar fuori […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: