Una questione d’abito


L’abitudine è tanta che poi, ogni tanto e sempre più raramente, quando arriva una domanda o incrocio uno sguardo scettico o sarcastico, mi chiedo sempre cosa c’è che non va, se ho qualche macchia o se la fretta mi ha giocato qualche tiro.

Oggi è stata una collega di un amico, lei è insegnante, l’ho incontrata in metropolitana. Vedendomi forse a disagio all’ora di punta e in mezzo alla folla, mi ha chiesto se non mi viene mai voglia di poter cambiare vestito, di sentire la libertà nell’abbigliamento.

Avrei dovuto spiegarle meglio, e invece ho sorriso e ho detto: “non ne hai idea”.

Avrei dovuto dirle che l’abito che vesto è un segno delle mie scelte, non solo di un mondo che, chissà perché, dovrebbe costringermi. Come mi abbiglio è prima di tutto un segno di ciò che voglio, dello stile di vita che fa per me, dei valori che intendo vivere con coerenza. Certo, ci sono dei momenti in cui questo mi pesa, soprattutto per motivi pratici: ma mi basta ricordare il perché e subito da sopportare torno a portare.

Un’altra volta, mi è andata peggio, passando davanti a quattro scioperati seduti sui gradini di una piazza, a Roma. Ho sentito di dover giustificare il mio abbigliamento, e ho detto: perché sì, perché non faccio niente di male, perché questo è un paese libero e se qualcuno può andare in giro con buchi esposti alla vista di tutti in posti al limite della decenza, credo che il mio modo di coprirmi non abbia nulla di riprovevole.

Certo, poi quando sono a casa, mi butto addosso altre cose. Cerco quella freschezza, quella “libertà” a cui quando esco ho liberamente scelto di rinunciare. Mi pare che la libertà di vestirmi come mi pare sia un piccolo prezzo di fronte a quella di dare alla mia vita la direzione che voglio.

E allora la prossima volta che vedete un giovane dirigente in doppiopetto grigio in metropolitana a luglio, non fate domande imbarazzanti: se ci pensate su un po’, ci arrivate anche da soli.

2 commenti

  1. Hmmm…per una pura questione di curiosita’ lancio il sasso e sventolo la mano: saresti la stessa figura professionale (per credibilita’ capacita’…..) in bermuda e sandali? Estremizziamo…tieniti forte…nudo in mezzo ai nudi?

    1. Bella domanda… gliela girerò, se tornerà dalle mie parti. Non credo, perché ci stiamo cordialmente antipatici. Ti faccio io una domanda: prima di leggere l’ultimo paragrafo, a chi avevi pensato?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

frank iodice

"Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: