Libertà di ricerca


Ringrazio A’kos per lo spunto interessante.

Immaginiamo che a qualcuno, un ricercatore, venga in mente che il sale da cucina possa essere un rimedio per una importante malattia, diciamo l’epatite virale. Magari è ammalato lui stesso e prova a somministrarsi sale da cucina. E nota miglioramenti.

La cosa che vorrebbe fare è, essendo un ricercatore, non tanto andare a dare sale da cucina a tutti gli ammalati di epatite, ma provare a verificare scientificamente se quello che ha provato su se stesso è un puro effetto psicologico, se ha ragioni organiche ma individuali o se invece il cloruro di sodio effettivamente ha un effetto terapeutico che può essere utilizzato clinicamente.

Essendo il sale da cucina un prodotto chimico di classe alimentare e un costituente essenziale della dieta sembrerebbe giusto far partire la ricerca direttamente in vivo e sugli umani, per risparmiare tempo e soldi. Ma ci sono molte strade per fare ricerca, tutte interessanti e che possono aiutare a capire meglio non solo se la molecola individuata sia utile, ma anche perché e come.

Non sono esperto di ricerche in campo farmacologico e clinico, ma credo di poter dire che la fase finale sia quella in cui una istituzione dà la propria disponibilità per la sperimentazione e ad alcuni pazienti somministra la molecola indicata, mentre ad altri solo cure tradizionali e poi si confrontano i risultati.

Servono soldi, per una sperimentazione efficace. Chi sponsorizza è solitamente la casa farmaceutica che ha già brevettato la molecola che vuole testare e che spera tanto che gli investimenti compiuti si traducano in una prova di efficacia e quindi una possibile commercializzazione del prodotto.

Ma cosa succede se la molecola è il cloruro di sodio? O l’aspirina, o l’acido citrico, il bicarbonato, l’arginina… cioè composti che non possono essere brevettati perché sono naturali o il loro brevetto è già scaduto da tempo? Provate un po’ a immaginare chi può voler sponsorizzare ricerche del genere.

Solo un servizio sanitario nazionale può essere interessato a trovare farmaci non brevettabili. Solo le università possono svolgere ricerche del genere. Il primo perché terapie non brevettabili uniscono il risparmio sociale ed economico di una terapia efficace al risparmio economico di farmaci a basso costo da rimborsare ai cittadini. Le seconde perché non sono interessate a lucrare sulle proprie scoperte, ma solo a renderle pubbliche.

Vale la pena pensarci, mi pare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, e sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: