L’adorato autunno


Sono tre giorni che la inseguo, avvertita, con grande nostalgia, a tratti a partire da domenica scorsa.

Il caldo, questo lunghissimo grande caldo che da mesi a ondate che non sono onde ci ha avvolto, non ha odore, anzi odora di caldo, di secco, di assenza di essenze. E anestetizza la pelle, non solo l’olfatto, con il suo bruciore e il nostro sudore.

Invece la fine dell’estate è questione di naso e pelle.

Il profumo del sollievo della terra arida, della gratitudine della vegetazione stremata; aromi che tornano ad emergere, sottratti al torpore del caldo estremo. Qualche tono di fumo, sterpi e rami, promettono sapori cari, ancora in lontananza, fuochi e castagne, forni e pane. E poi sfumature legnose che mi sono abituato ad associare al piacevole sentore di matite nuove, di carta stampata di fresco, di libri mai aperti, alle emozioni ricordate di un tempo che si chiude e a quelle ignote del futuro prossimo, all’ansia dei preparativi, all’attesa del primo giorno.

E il freddo, la pelle che lo prova, lo subisce, ne gode, ancora scoperta o vestita di quel poco che per inerzia sopravvive nei guardaroba impreparati. Scalzo, coperto di cotone leggero, rabbrividisco con piacere alle folate tra finestre finalmente aperte anche nelle ore centrali del giorno, tra tende che lasciano passare una luce non più abbacinante, ma talvolta velata e incapace di proiettare ombre, altre volte ancora di sole diretto e caldo in un’aria che non se ne accorge. E’ il senso del tatto ad avvertire anticipi di piogge che verranno, di libertà all’aperto senza il prezzo del sudore, del ritrovarsi senza dover fuggire o nascondersi e ricominciare.

Quasi già settembre, quasi non più agosto, quasi non più estate, e già arriva l’adorato autunno.

10 commenti

  1. Francesca · · Rispondi

    Bè ma che poeta!!
    Complimenti per una descrizione che coglie nel segno lo scenario e le sensazioni di un periodo transitorio come questo, che è ancora estate, ma che non la è più, fosse solo per il ripopolarsi delle città che ricordano, anche se la pelle è ancora abbronzata che l’estate sta finendo.
    In tutto ciò riecheggia nella mia mente il mantra “Settembre andiamo” è tempo di ricominciare…

    1. Grazie Francesca! Eh sì, è ora di ricominciare… o di continuare (per chi ha interrotto solo per poco) ma con un altro spirito.

  2. sì, l’inizio dell’autunno è un profumo e queste parole lo suggeriscono magistralmente. un profumo che – nel mio naso – si mischia alla malinconia del crepuscolo dell’estate, stagione a me affine, e questo mischiarsi, stranamente, invece di sopirlo, lo esalta.

    prishilla

    1. Certo, la fine dell’estate porta sempre un po’ di malinconia, e l’autunno, l’adorato autunno, è la stagione malinconica per antonomasia, il tempo della migrazione, della caduta, dei gloriosi colori che sfumano nel silenzio. Grazie prishilla!

  3. non sono d’accordo… o meglio sono d’accordo che le quattro stagioni (tutte e quattro) siano necessarie, però questa estate, il calore che ha tolto tutta l’umidità raccolta quest’inverno dalle mie ossa, il piacere di avere addosso il minimo indispensabile per non creare scandali e pensare che tutto sia finito… che fra qualche tempo dovrò aggirarmi per il mondo con chili e chili di vestiti per non far arrivare il gelo al corpo; la neve su cui, comunque, devo percorrere chilometri in macchina per arrivare al lavoro, la spesa che incide in modo non indifferente sullo stipendio per riuscire a vivere ad una temperatura decorosa in casa… no, caro Alessandro, a me mette una tristezza infinita, perchè so che io, fra qualche giorno, comincerò a vivere con il desiderio di quando arriverà la prossima adorata estate… Punti di vista 🙂

    1. Beh, in realtà nessuna stagione è “necessaria”. Ho vissuto in posti dove ne hanno due, diverse dalle nostre, e non mi sono trovato peggio.
      Ma a me piacciono tutte e quattro (o quante sono) le nostre stagioni. E’ che siamo alle porte dell’autunno, e non c’è rilievo pratico o economico che mi renderà meno caro questo periodo dell’anno. Grazie di aver commentato!

  4. Maria Beatrice Venturelli · · Rispondi

    bellissimo

  5. Mi piace il tuo modo di “sentire” arrivare l’autunno,forse perchè vivo questo passaggio come te,ma tu lo hai descritto come io non avrei saputo fare.

    1. o come non hai provato a fare? grazie Marta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: