West Indies


Ricordate quel genovese che partì con tre caravelle? Cosa stava cercando?

Gli inglesi, con il loro humour e la simpatia che sanno sfoderare ogni volta che possono prendere in giro gli spagnoli, questa cosa l’hanno presa talmente sul serio che per loro “West Indies” (al plurale: le Indie Occidentali) è rimasto ancora oggi il nome collettivo delle prime terre su cui Colombo mise piede cinque secoli fa, nel mar dei Caraibi, giusto davanti alle coste orientali del continente americano.

E non era nemmeno un nomignolo affibbiato a terre lontane e sconosciute: col passare dei cinque secoli, l’impero britannico si trovò a possederne parecchie, di quelle terre, come colonie.

Quando, dopo la Seconda Guerra Mondiale, il vento della decolonizzazione portò alla dissoluzione dell’impero, il tentativo che gli inglesi fecero in molte occasioni fu quello di concedere l’indipendenza a regioni ampie, strutturate in modo federale, in modo che divenissero monarchie indipendenti ma unite dalla stessa casa regnante (reami del Commonwealth). Il tentativo funzionò bene con l’Australia e il Canada, meno bene altrove.

Le “West Indies” ci provarono a formare una federazione. Dal 1958 al 1962 esistette effettivamente una “Federazione delle Indie Occidentali”, con un Governatore-Generale che rappresentava la corona, un primo ministro e un consiglio di stato come esecutivo. Alcune delle colonie dell’area non avevano aderito: la Guyana, che stava percorrendo la propria strada verso la totale indipendenza (ottenuta come monarchia il 26 maggio 1966, come repubblica dal 23 febbraio 1970),  Bermuda e le isole Vergini britanniche (che rimasero e sono tuttora territori d’oltremare all’interno del Regno Unito), Belize e Bahamas (che ottennero in seguito la propria indipendenza dal Regno Unito, rispettivamente il 21 settembre 1981 e il 10 luglio 1973, pur riconoscendo la monarca inglese come proprio capo di stato).

Nei quattro anni e mezzo in cui sopravvisse, la Federazione non ottenne l’indipendenza, mentre altrove nel mondo altre colonie iniziarono a fregiarsi del prefisso “ex”. Questo segno di immobilità, unito ai localismi e ai campanilismi, portò dapprima Giamaica a staccarsi dalla Federazione e ottenere l’indipendenza (come monarchia, il 6 agosto 1962), e poi all’esplosione della Federazione stessa, in una manciata di stati indipendenti: Barbados (come monarchia, dal 30 novembre 1966), Grenada (come monarchia, dal 7 febbraio 1974), Dominica (come repubblica, dal 3 novembre 1978), St. Lucia (come monarchia, dal 23 febbraio 1979), St. Vincent e Grenadines (come monarchia, dal 27 ottobre 1979), Antigua e Barbuda (come monarchia, dal 1 novembre 1981), St. Kitts e Nevis (come monarchia, dal 19 settembre 1983), mentre le isole Cayman, Montserrat, Anguilla, Turks e Caicos sono a oggi territori d’oltremare del Regno Unito.

Mancano all’appello Trinidad e Tobago. Che ne fu? Niente di terribile: dopo l’indipendenza di Giamaica, fu il secondo stato a buttare a mare la Federazione e a rendersi autonomo, esattamente cinquant’anni fa, il 31 agosto 1962, come monarchia, per poi assumere l’assetto attuale, quello repubblicano, il 1 agosto 1976.

A Trinidad hanno festeggiato con un giorno di vacanza la qualificazione ai mondiali di Germania 2006 e l’oro nel giavellotto alle olimpiadi londinesi: non oso immaginare cosa succederà oggi per le strade di Port-of-Spain. E un po’ vorrei esserci.

E comunque, per la cronaca, le Indie Occidentali sopravvivono nello sport più amato da quelle parti, il cricket. Pur avendo ogni nazione la propria rappresentativa, nel circuito internazionale del cricket non sono le nazionali di Trinidad, Guyana, Giamaica eccetera a partecipare, ma la grande e gloriosa squadra delle “West Indies”. E’ forse l’unica occasione rimasta a un West Indian per ricordare di esserlo.

Annunci

3 commenti

  1. Francesco · · Rispondi

    E Bryan Lara, star internazionale del cricket, idolo nazionale di Trinidad!

    UN po’ vorrei esserci anch’io per le strade di Port of Spain…

    1. Quando andiamo? 🙂

  2. […] qualche tempo fa il post sulle West Indies con una nota sportiva. Devo aver portato bene, visto che ieri le West Indies si sono aggiudicate il […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: