A occhio nudo


Ieri sera abbiamo scritto le letterine a Babbo Natale.

Il maggiore mi ha sorpreso chiedendomi di inserire, come primo desideratum, un telescopio.

Al che, ovviamente, ho preteso una seconda scelta: magari Babbo Natale non ce l’ha, non è esattamente un giocattolo e gli elfi costruiscono solo giocattoli… Il risultato è stato una Ferrari radiocomandata. A questo punto non so bene cosa succederà.

La mia perplessità non è ovviamente nei confronti del telescopio: riguarda la sua capacità di giocare con un oggetto simile a quattro anni e mezzo senza disintegrarlo dopo quindici minuti, indipendentemente dalla presenza di un adulto, e, invece, con grande riguardo per la presenza costante di un altro personaggio di tre anni e mezzo, il fratello bilama, che taglia alla radice dove il primo solleva il pelo.

Ho anche provato a fare il brillante per dissuadere il piccolo astronomo con la complessità della decisione: ma vuoi un telescopio rifrattore, newtoniano, Cassegrain, come lo vuoi insomma?

“Un telescopio per guardare le stelle”. Servito.

Non servirà a nulla raccontargli di un grande astronomo nato in Danimarca il 14 dicembre di 466 anni fa, che guardava il cielo a occhio nudo, e vedeva e capiva cose che nessun altro prima di lui aveva visto e capito.

Passò una vita a guardare il cielo a occhio nudo, e le stelle visibili le conosceva benissimo. Tutto quel che vedeva lo scriveva, numeri su numeri, posizioni su posizioni, giorno per giorno. E così, guardando senza nessun telescopio scoprì che c’erano delle stelle nuove, “novae”, come le chiamò nel linguaggio scientifico del tempo. Erano troppo lontane per essere delle comete passeggere, non sembravano muoversi come si muovono le comete, e perciò dovevano essere delle stelle vere e proprie. Ma questo era un problema, perché a quel tempo si credeva che il cielo delle stelle fosse sempre uguale, che vi non potesse succedere mai nulla di nuovo. E così questo astronomo iniziò a pensare che quel che aveva visto, comunque, l’aveva visto, non si era sbagliato, e perciò doveva esserci qualcosa di sbagliato nel modo in cui si pensava fosse fatto il cielo. E così, aiutandosi con il lavoro di altri astronomi che erano vissuti prima di lui, provò a immaginare un modo diverso per descrivere il cielo, un modo alternativo in cui questo doveva essere stato costruito. Un sistema diverso, che cercava di mettere insieme il buono che avevano i punti di vista precedenti, quello antico e consolidato, che però non spiegava le “novae” e altre cosette, e quello più moderno, che però non piaceva a molti per altri motivi.

Ecco, credo che dovrò aspettare qualche anno, per potergliela spiegare almeno così. Per cui stasera lascerò perdere la storia di Tycho e continuerò a leggere di hobbit, goblin e maghi, “perché tra qualche giorno guardiamo il film”, come dice lui.

E nel frattempo, il telescopio? La Ferrari? Chissà cosa verrà in mente, a Babbo Natale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: