Si chiama professionalità


Questa mattina, mentre correvo all’asilo a raccogliere un figlio in preda alla diarrea, ho rischiato grosso io stesso accendendo la radio.

A “Radio anch’io” (e chi l’avrebbe mai detto, non si vede e non si sente quasi più) c’era il Cav.

Ho sentito solo l’ultima peristaltica battuta su Ingroia, in cui si diceva scandalizzato che un magistrato possa accumulare popolarità con le sentenze e poi spenderla in politica e poi tornare a fare il magistrato.

Personalmente non nutro simpatie per Ingroia. Soprattutto a causa di alcune sue esternazioni alla stampa di quando era ancora membro attivo della magistratura e sull’operato di alcuni suoi colleghi. Cose che hanno prestato e prestano il fianco alle critiche di cui sopra, che sono, invece, assolutamente infondate.

Ammesso che al Cavaliere l’unica popolarita che piace sia la sua propria o, in subordine, quella di chi gliela presta (ricordisi come gli piaceva la popolarità di un altro magistrato di Mani Pulite cui offrì un posto da ministro, nientemeno).

Ammesso anche che a me di quel che scandalizza o non scandalizza il Cavaliere non può fregar di meno, salvo rilevare che statisticamente quando lui si scandalizza di qualcosa io normalmente quel qualcosa lo ritrovo codificato dentro qualche principio costituzionale.

Ammesso che, colite a parte, sentire un elefante ridere del naso di un formichiere mi mette di buonumore.

Rilevo però che queste stesse critiche, soprattutto quelle relative al congedo per attività politiche e al tornare a svolgere le attività precedenti al suo termine, sono diffuse anche tra chi normalmente non indulge all’antipolitica.

E allora a queste critiche mi riferisco, perché a mio modo di vedere non hanno fondamento.

  1. Mi pare auspicabile che se decidi di darti alla politica, tu lo faccia “a termine”. Ma comunque è giusto che, se vuoi farlo solo per una parte del resto della tua vita, tu lo possa fare. O no?
  2. Se hai la fortuna del Cavaliere e sei un capitano d’industria, o anche se sei un semplice libero professionista, al termine della tua esperienza politica non hai problemi: torni a fare quel che facevi prima. E’ uno scandalo? Ma come? Con tutte le conoscenze, i favori che avrai fatto in politica, vuoi non approfittarne?
  3. Se invece sei un dipendente, che devi fare? Licenziarti, darti alla politica e poi? E se magari quel lavoro che avevi ti piace pure, hai sudato per ottenerlo, ti dispiace abbandonarlo? O ti si dà la possibilità di tornare a farlo, o in politica non scendi proprio. Oppure punti tutto sul fare favori, così poi qualcuno si ricorderà di te. Cos’è meglio?
  4. Ma un giudice! Ma un giudice è un cittadino o no? Ha o non ha gli stessi diritti di ogni altro cittadino, compreso quello dell’elettorato passivo? Quindi, appurato che un giudice può entrare in politica, che per la separazione dei poteri è bene che quando entra in politica esca temporaneamente dal corpo che esprime il potere giudiziario, che è auspicabile anche che dalla politica a un certo punto esca, che è un dipendente pubblico e che magari il suo mestiere gli piace, ha accumulato e arricchito le proprie competenze, quando cessa il mandato politico che fa? Buttiamo tutto a mare?

Quel che voglio dire è che il congedo per attività politica è un segno di civiltà e permette a tutti, indipendentemente dalla professione, di dedicare una parte della propria vita al servizio della comunità nella politica senza costringerlo a preoccuparsi di rimanerci a vita, o di uscirne in balia degli amici degli amici.

Quel che voglio dire, ancora, è che tornare o non tornare a fare il mestiere di prima non è il problema in sé. Il problema si chiama professionalità. Che c’è, o non c’è. Per un giudice come per qualunque altra categoria professionale.

Se c’è, il giudice sarà in grado di svolgere la propria attività politica e poi di tornare a fare il magistrato senza problemi, magari svolgendo mansioni diverse, d’accordo, ma sarà lui stesso a riscontrarne l’opportunità prima che glielo facciano notare.

Se non c’è, invece, che entri o non entri in politica poco importa: rimane un problema anche se rimane nel ruolo in cui si trova.

E questo vale anche per i liberi professionisti, per gli industriali, per i direttori di banca, gli operai specializzati e le casalinghe.

Non capirlo, o far finta di non capirlo, non è un buon segno.

Detto ciò, auguro ad entrambi, Ingroia e Cavaliere, tanta fortuna e professionalità nel mestiere che facevano prima.

E io mi dedico all’Imodium.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: