A caccia di una ricetta


Ricordo che mio padre, che mangiava spesso al ristorante con i clienti dell’azienda per cui lavorava, poi tornava a casa e cercava di riprodurre i piatti che aveva provato.

Non so com’erano gli originali, ma le sue copie erano generalmente degli ottimi falsi.

Nel paese in cui mi trasferii quando mi sposai, per qualche tempo comparve una pizzeria, a due minuti di strada a piedi da casa. Ovviamente la sfruttammo a dovere.

Mia moglie prendeva le pizze più inverosimili, per poi rifilarmene i tre quarti mentre io cedevo di buon grado la mia metà. Ma c’era un “modello” di pizza che difendevo con unghie, denti e posate.

Poi, piuttosto improvvisamente, la pizzeria chiuse, arrivò al suo posto un bar.

E da allora quella pizza là non l’ho più trovata. Non feci nemmeno in tempo a chiedere al pizzaiolo che roba ci metteva sopra. In realtà lo sapevo, vagamente, cosa ci metteva sopra. Ma, non trovandola altrove io poi non mi sono molto preoccupato di sperimentare in casa. O meglio, ho sperimentato in casa sulla pizza in generale, ma quella composizione particolare non ho mai più provato a recuperarla.

Fino a quando… Fino a quando, qualche settimana fa, grazie ad un’altra ricetta ho scoperto un sapore che mi ha riportato ai tempi della pizzeria a due minuti da casa. Si tratta di una roba che al supermercato trovo sotto il nome di “salsiccia Napoli”.

Ora io non ho idea se esista effettivamente una salsiccia tipo Napoli, se è proprio quella lì, se a Napoli si chiama invece salsiccia tipo Limoges o altro.

Fatto sta che, avendo trovato la salsiccia Napoli presso il locale supermercato, ho tentato il mio falso d’autore. Ci manca ancora un piccolo dettaglio, importante, ma credo di esserci riuscito.

Quindi, scusate se faccio un po’ l’Antonella Clerici della situazione, prometto che non prenderò l’abitudine, ma vi dico quel che ci va messo su questa pizza meravigliosa che sono riuscito a ricostruire quasi in ogni dettaglio.

Oltre al pomodoro e alla mozzarella, ci vuole appunto la salsiccia Napoli a fette, con il dettaglio di qualche semino di finocchio sparso qua e là, e poi le cime di rapa (o i friarielli). Io queste le ho passate con aglio e olio, e poi un goccetto di vino, giusto per appassirle un po’, prima di adagiarle sulla pizza.

Ecco, fatto.

Vi assicuro che mangiarla è stato emozionante. Sia perché un sapore che avevo molto apprezzato non è andato perduto, sia perché… beh, immaginatelo voi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: