Atterraggi


Il viaggio aereo è un viaggio verso il lontano. Verso dove ogni altro mezzo renderebbe molto più complicato e dispendioso andare.

E ogni aeroporto ha un suo carattere, un suo presentarsi, accoglierti. In cui ovviamente si coniugano le caratteristiche geografiche, aeronautiche, oggettive del viaggio, con quelle strettamente personali, interiori, le aspettative, le memorie.

Leggevo (grazie, W2!) di due diversi modi di arrivare in Sicilia.

E ho così pensato ai miei atterraggi, alle mie distanze.

Tre in particolare, che associo sempre perché inanellati lungo un lungo viaggio che ho amato percorrere diverse volte.

Il primo, in cui la coltre di nuvole si apre quando sotto l’aereo ci sono, ancora per poco, verdi colline, pioggia, animali al pascolo; ma subito lasciano il posto a sterminate periferie pettinate di piccole case, uniformità interrotta solo da nastri autostradali o chiazze verde scuro di parchi incastonati nel tessuto di una metropoli. L’aeroporto si preannuncia con opere smisurate, tanto che viene l’ansia, quando le ruote non toccano terra nonostante l’asfalto sia lì sotto ormai da diverse decine di secondi, che il pilota non abbia preso bene le misure.

Il secondo dà la stessa impressione, ma al contrario, quando l’aereo scende sul mare, che è sempre uguale, le onde si vedono da qualunque altezza, ma i dettagli ormai sono chiari, le barche lì, a portata di mano, e il muso s’alza che ancora c’è acqua sotto il tuo finestrino, e le prime palme appaiono solo istanti prima che i carrelli si mettano tra la pista, finalmente comparsa, e l’enorme uccello che ormai sta frenando in ogni modo.

Il terzo pare finto, perché manca il tuffo allo stomaco che si prova quando il gigante in volo scende verso terra. Sembra un viaggio in autobus, solo un po’ più rumoroso, con i turboprop che spingono. E’ invece tutta una questione di luci: che si interrompono nell’oscurità più assoluta e poi esplodono all’improvviso, superato il braccio di mare e la catena costiera, in una lunga striscia ininterrotta di brillanti ozi e negozi.

Ed è vero, sono arrivi, momenti attesi, in cui qualcosa è compiuto eppure ancora il viaggio non è terminato, c’è ancora una serie di riti da compiere, i riti dell’aeroporto. Ma la terra sotto i piedi è finalmente quella della destinazione, anche se temporanea, come nel primo caso, tappa intermedia, ma pur sempre fuori dalla soglia di casa.

Sono ricordi che per un certo tempo hanno visitato spesso le mie giornate, una volta tornato indietro; ancora lo fanno, anche se con minor frequenza, ora che il viaggio non ha più le stesse motivazioni, non è più un andare verso, ma un andare con.

Crown Point (oggi A. N. R. Robinson) International Airport, Tobago, dicembre 2005.

Crown Point (oggi A. N. R. Robinson) International Airport, Tobago, dicembre 2005.

Ma l’atterrare, il tornare nell’elemento nostro, eppure in un luogo diverso, desiderato e lontano, è anche per me qualcosa di custodito segretamente e gelosamente, insieme alle emozioni che questo porta, ancora, inevitabilmente, con sé.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: