Gialli in bianco e nero


Non ricordo quando in casa nostra è entrata la televisione a colori. Ricordo il marchio del primo televisore, con un puntino blu che mi piaceva molto.

E ricordo che per i miei, dopo che il terremoto dell’83 lo fece precipitare dalla libreria (“tubo catodico crepato, mi dispiace signora”), nessun altro televisore ha mai più avuto gli stessi colori.

Negli anni Ottanta, comunque, sicuramente guardavamo film colorati. Tranne i classici, per cui “guardavamo” diventa “guardavano”, io ero un teen-ager in quegli anni.

Salvo rarissime eccezioni.

Qualche anno fa scoprii Amazon. Visitare il loro sito britannico (quello italiano ovviamente ancora non c’era) mi fece un po’ l’impressione che mi aveva fatto, da ragazzino, varcare la soglia di HMV a Oxford Street, a Londra: l’impressione di entrare nel paese delle meraviglie.

Dopo qualche titubanza, direi per soggezione prima di tutto, una volta deciso che vi avrei acquistato qualcosa, l’imbarazzo della scelta mi fece rifugiare su qualcosa di certo, un punto fermo.

Quattro punti fermi, in realtà tre, perché uno di questi io non ero mai riuscito a vederlo in televisione. Quattro punti fermi in bianco e nero scoperti nell’era della televisione a colori. Quattro “gialli” inglesi diretti da George Pollock, con protagonista Margaret Rutherford nei panni di Ms Jane Marple.

Margaret Rutherford (da Wikipedia).

Assassinio sul treno (Murder she said, 1961), Assassinio al galoppatoio (Murder at the gallop, 1963), Assassinio sul palcoscenico (Murder most foul, 1964),  e Assassinio a bordo (Murder ahoy, 1964) hanno un tono a tratti ingenuo, sempre misurato, abbastanza scuro, ovviamente sia per il tipo di situazioni che per i contrasti del bianco e nero, ma rischiarato sempre dall’umorismo della fisicità di Miss Marple, delle sue espressioni facciali, del suo incedere impacciato, della sua testardaggine, dei suoi rapporti col signor Stringer (interpretato dal marito dell’attrice, Stringer Davis) e con l’ispettore Craddock. Ma soprattutto, per me la cifra di questi quattro film, ciò che mi faceva star seduto di fronte a queste opere fuori moda, fuori tempo, erano i colori vivaci e brillanti della colonna sonora di Ron Goodwin.

E ora che i classici non mi spaventano più, né il bianco e nero, continuo ad adorare questa vecchietta ficcanaso e saputella e i quattro film che Amazon mi ha portato (infatti non mancano in videoteca) a casa e che rivedo e riascolto sempre con piacere.

Adesso, non parliamo di guardarli tutti e quattro in stecca (ci vuole un fisico bestiale, e io non ce l’ho), ma se qualcuno che legge avesse voglia di rivederne uno (in inglese: Amazon.co.uk non ti vendeva film in italiano, eh), si faccia vivo che organizziamo…

2 commenti

  1. LI conosco a memoria ( in italiano) e sono una grande ammiratrice di Miss Marple e del suo “innamorato”.Mi incuriosisce il fatto che potrei seguirne uno in inglese!
    Decidi tu.

    1. Volentieri! Ci mettiamo d’accordo presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Gift Ideas, Travel, Books, Recycling Ideas and Many, Many More

SnappyJaye

A Photo Journey

sethsnap

Photographs from my world.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: