Malinconie


Mercoledì sera, sull’Airbus che mi riportava a casa dopo la mia trasferta catalana, avevo stranamente un visore LCD impiantato sullo schienale del sedile davanti a me.

Lo stesso tipo di visore a cui ero abituato su aerei un po’ più pretenziosi e rotte decisamente più lunghe.

E infatti il visore ha trasmesso per quasi un’ora, oltre alle inevitabili iniziali innovative insistenti informazioni insostituibili sulla sicurezza a bordo, la pubblicità dei meravigliosi film che si possono godere sui voli a lungo raggio di Alitalia. (“Massì, quasi quasi, invece che a Barcellona la prossima volta vado a Bangui con Alitalia, per potermi godere questi fantastici programmi!”).

Ma poi, inaspettatamente, proprio quando ci trovavamo sopra Boccadasse e l’aereo ha iniziato la sua discesa verso Linate, ecco apparire il volto noto di Tano u Greco, mentre questo confida a Montalbano il suo desiderio di costituirsi. Ovviamente l’episodio si è fermato dopo pochi minuti, ma è bastato a farmi tornare la voglia di rivedermelo.

“Il cane di terracotta”: lo ricordavo come uno degli episodi minori, nella lunga serie di film con protagonista Salvo Montalbano (da adulto). Ma ieri sera, quando me lo sono rivisto, mi ha colpito invece la ricchezza di emozioni e atmosfere, tutte sottolineate in modo impareggiabile dalla colonna sonora (componibile) di Franco Piersanti.

Mi accorgo che forse è davvero un episodio minore, che forse è solo la malinconia mia e sua a rendermelo più vicino, a farmelo apprezzare, tra attualità non risolte e memorie di vicende di tanti anni fa.

E anche la Sicilia, terra di gloriosi passati e di un presente da episodio minore, probabilmente è solo il simbolo della mia malinconia per il mio Paese.

Perché comunque vada, non sarà un successo. Mi ci vorrà tanta, ma tanta fatica per tornare a credere in noi.

6 commenti

  1. E’ intriso di una vena di malinconia e di mistero che vengono trasmessi allo spettatore…ho letto molti libri di Camilleri, nel leggere ” Il cane di terracotta” ho provato le stesse emozioni poi vissute guardando il film.Hai ragione,la colonna sonora ha avuto un grande ruolo.

    1. L’ho qualificata come “componibile” perché in realtà sono (mi pare) sempre gli stessi pezzi che si ripetono, episodio dopo episodio, a seconda dell’umore della scena e delle situazioni. Eppure, questa serialità anche nella colonna sonora, probabilmente inevitabile, aiuta a cristallizzare certe sensazioni, ad associarle in modo unico a questi luoghi, a queste vicende, a questi personaggi. Specialmente quando l’azione viene un po’ messa in disparte ed è l’aspetto emotivo ad essere sviluppato…

  2. Mi è molto familiare tutto questo. C’è un brano di Piersanti, “Riflessioni”, che mi regala sempre quel vago languore siciliano che tanto amo e che nella sua immobile eternità è sempre malinconico ed anche un po’ crudele.

    1. Molto bello, sì. Quello che mi ha suscitato questa riflessione è un altro: su youtube l’ho ritrovato solo, e solo una parte, nella scena finale del successivo “La gita a Tindari”: http://www.youtube.com/watch?v=N3sq9gZ30kA.
      Nonostante tutte le variazioni sul tema, il nocciolo è sempre uno: una triste malinconia.

  3. La Sicilia è terra di struggimenti, lì qualsiasi emozione è come se fosse osservata con una lente d’ingrandimento. Terra in cui ci si vede dentro. Questo non vale per i siciliani, gente impenetrabile che fa della penetrabilità una efficace maschera di dissimulazione.
    Un siciliano.

    1. Credo che questa caratteristica, il vedercisi dentro, l’avevo intuita, o forse colta inconsciamente. Potrebbe essere il motivo per cui finora ho avuto un senso di rispettoso timore nei confronti del visitare la Sicilia. Sarà ora di rimediare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: