Voglio il modello base


Dopo undici anni di onorato servizio, ho pensionato i miei occhiali da sole.

Diciamo che li ho abbandonati, ormai alla frutta, alla loro sorte: non so più in quale borsa siano finiti, in qualche trasferimento da un’auto all’altra. Del resto gli occhiali da sole mi servono da maggio ad agosto, quando l’allergia mi rende particolarmente suscettibile alla luce.

aa199

Bisogna comprarne un altro paio.

Premetto per chi non mi conosce: io non credo di essere particolarmente tirchio. Ci sono cose per cui spendo volentieri (il problema è averne da spendere). Ma per un paio di occhiali da sole, mi dispiace, no.

Mi immagino la scena: entro nel negozio (target: il negozio di occhiali da sole nel centro commerciale più vicino dotato di negozio di occhiali da sole), vado dalla commessa e le dico: “vorrei un paio di occhiali da sole, modello base”. Lei mi indica una rastrelliera con una decina di esemplari molto essenziali, senza airbag, senza lavalenti, senza abs, io me ne provo due o tre, le chiedo informazioni sulle lenti, lei mi sciorina le proprietà ottiche e le metodologie di lavorazione delle lenti da sole (tecnologia vecchia di decenni e consolidatissima), scelgo e pago diciamo settanta-ottanta euro.

Mollo la family al parco e vado incontro al mio destino di acquirente.

Entro, e già lì sono spiazzato. Sembra di stare sul ponte di comando dell’Enterprise, ma non c’è nessuno.

Mi metto a curiosare qua e là, e alle mie spalle sopraggiunge felina la commessa.

– Buonasera!

– Buonasera. Avrei bisogno di un paio di occhiali da sole, modello base.

Fin qua sono stato bravo. Lei mi accompagna davanti alla postazione del tenente Uhura, con la frase che mi demolisce il sogno:

– Mah, io gliene faccio vedere qualcuno, ne abbiamo tanti tipi: ci sono quelli della marca P, quelli R…  veda se le piace qualcosa in particolare, poi le dico quelli che piacciono a me.

Che vuol dire, secondo me: non me ne frega niente del modello base o degli optional, dimmi che marca vuoi, e poi ne parliamo.

Ok, le do corda, anche perché ho accompagnato mia moglie a comprare i suoi e so benissimo che le marche P e R con meno di cencinquanta non le porto a casa.  Ne provo cinque o sei, questo mi piace, guardi questo le starebbe bene ma sono un po’ troppo avanti, (avanti? in che senso?) no guardi a me servono solo per ripararmi gli occhi.

Ecco, ciò che mi ha dato fastidio è questo. Vado a comprare un oggetto che ha una funzione principale, lo compro per quella funzione principale e devo giustificare il fatto che il mio criterio di scelta sia orientato a questa funzione principale e non ad eventuali altre di cui non potrebbe fregarmi di meno.

Forse sono un privilegiato, uno a cui il lavoro, lo status sociale, le compagnie non impongono l’adozione di certi standard, o della filosofia de “il meglio”.

Ma il meglio di che? Il meglio assoluto chi lo decide? I guru dello stile o della finanza? Ma fatemi il favore. E relativamente alla situazione, il meglio per me era un paio di occhiali con lenti funzionanti, che non mi rimangano in mano a pezzi tra due settimane e che non costassero un occhio (altrimenti compravo un monocolo, no?).

Bene, proseguo e concludo: la commessa mi dice i prezzi, nulla sotto i cencinquanta già scontati, come previsto.

– Molto belli. Però siamo un po’ fuori target. Le avevo detto “modello base”. Mi spiego meglio: buone lenti, montatura resistente, prezzo un po’ più economico di così…

Lei, lasciando finalmente trasparire il suo disprezzo, mi conduce al cassetto del cagnolino del signor Spock, lo apre:

– Ci sono anche i X. Questi li vendono (“li vendono!”) a quaranta-cinquanta euro… Sono mescolati da uomo e da donna…

Io estraggo dal cassetto un paio molto simile (e sennò come faccio a riconoscere quelli da uomo da quelli da donna?) a uno di quelli che ho lasciato sul bancone con un cartellino da centonovanta.

– Questi mi piacciono.

A questo punto mi scarica. Con la scusa che non sa il prezzo, mi affida alla collega, tanto professonale e cordiale quanto la prima è merdona (si può dire, merdona si può dire). Nemmeno la seconda sa il prezzo ma lo trova sul relativo listino. Un’abilità che anche la prima ha, visto che poco fa è stata capace di trovare i prezzi di quelli da centottanta, ma deduco non voglia sprecare per meno di cento euro di valore d’acquisto.

E così alla fine esco con un paio d’occhiali comodi, che mi proteggono bene gli occhi con lenti che so essere ottime, occhiali di marca, tra l’altro una marca storica (si può dire che la tecnologia l’abbiamo fatta partire loro) da poco rilevata da un’azienda italiana, avendo io speso cinquanta euro.

La cose incredibili sono averne materiale per una riflessione del genere, per un post da blog, e il fatto che con tanti bravi commessi disoccupati questa merdona non rischi il posto.

Un commento

  1. […] avete ragione, ho anche fatto una deviazione al centro commerciale. Ma dopo, appunto, sono andato al […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: