Guardando fuori dalla finestra


Nella sterminata aforismatica in rete circola una citazione che mi piace molto:

come faccio a spiegare a mia moglie che quando guardo fuori dalla finestra sto lavorando?

Viene attribuita a Joseph Conrad. Curiosamente ne parlano solo siti italiani, e questo mi insospettisce alquanto. Comunque non sono riuscito a risalire alla paternità se non tramite questo articolo in cui Dino Risi la affibbia appunto allo scrittore anglo-polacco.

In ogni caso, e di chiunque sia la paternità, con i dovuti distinguo, mi piace farla mia.

Con i dovuti distinguo, ovviamente.

Primo, io non sono Korzeniowski, e il mio lavorare davanti alla finestra, o in qualunque altra situazione apparentemente lontana dalla comune esperienza del lavoro, non è certo paragonabile al suo. Oltre a non avere la stessa profondità (personalmente nutro una certa stima dell’autore), è anche di natura totalmente diversa.

Secondo, non ho ben idea in cosa consista il lavoro di uno scrittore. Se Conrad, ammesso che la sentenza sia effettivamente farina del suo sacco e non un delirio di Dino Risi, o di chi ha creato la pagina con Risi che cita Conrad, se lui, davanti a una finestra pensasse a cosa scrivere, a quali espedienti tecnici, quali vocaboli. Io tenderei a interpretarlo in modo un tantino più ampio, così come vedo anche il mio lavoro di insegnante. Davanti a una finestra, anche senza pensare coscientemente al lavoro, anche semplicemente ammirando il taglio dell’erba o un cane che corre, io credo che lo scrittore raccolga impressioni, esperienze, arricchisca il proprio tesoro interiore. E, nel mio piccolo, questo è anche quello che vedo in me relativamente alla mia professione, lasciando perdere forse le finestre, nel momento in cui mi occupo di cose apparentemente distanti dalle mie materie. Mi sembra di poter dire che coltivando i miei interessi rendo me stesso una persona migliore, e, visto che la mia professionalità si basa in modo preponderante sulle mie qualità umane, faccio un servizio positivo a chi la mia professionalità mi porta ad incontrare.

E’ possibile che questo sia ciò che si chiama “lavoro intellettuale”.

Terzo, non credo di dover spiegare a mia moglie. Ormai ha capito le mie finestre. Vorrei che altri, invece, potessero capirlo; vorrei non dover spiegare ai signori ministri, ai signori parlamentari, ai signori genitori, che quello dell’insegnante non è un lavoro che si fa per otto ore, poi lo si chiude in una scrivania e lo si riprende al mattino dopo. Vorrei non dover dire che anche se non ho compiti da correggere a casa, se leggo un libro, se guardo la televisione con la mia famiglia, se scrivo sul mio blog, anche quello è un modo per ricordarmi dei miei studenti, direttamente o indirettamente.

Dietro le mie finestre ci sono comunque loro.

Un commento

  1. […] paio di giorni sono in ferie, sto cercando di continuare ad aggiornarmi. Anche perché, come dicevo altrove, credo di non essere ancora tanto schizofrenico da essere coinvolto da ciò che accade ai miei […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: