La mia maestra


La mia maestra era una sola e si chiamava Franca. E noi eravamo venti, forse diciotto, forse ventuno.

La mia maestra ci faceva piantare i fagioli nell’ovatta, ci faceva assaggiare il mosto cotto.

La mia maestra ci insegnava a costruire una lampada con una bottiglia, o un portaspago con la iuta.

La mia maestra ci portava in gita, ci accompagnava in settimana verde, organizzava le serate con le famiglie a mangiare il pescegatto nelle lanche, vicino a casa sua.

La mia maestra ci faceva ascoltare Stravinski, inventare la favola di Pulcinella, preparare uno spettacolo di ombre cinesi.

La mia maestra aveva i dischi e un giradischi col fruscio dentro, e una volta ci ha fatto sentire la Canzone del Piave, che sembrava arrivare da cent’anni fa: io non l’ho mai più ascoltata, ma me la ricordo talmente bene che ogni 24 maggio mi torna in mente. E mi torna in mente lei.

La mia maestra  ci insegnava le poesie, non solo quelle di Rodari, ma anche quelle di Cardarelli, ed era buffa quando faceva finta di parlare in napoletano; però ce le faceva imparare a memoria.

La mia maestra ci insegnava gli apostrofi e gli accenti, la storia e la geografia, le scienze e la matematica, tutto quanto.

La mia maestra un’estate a me, perché mi piaceva la matematica, ha dato come compito mille operazioni; e voleva che tutti facessimo un diario delle località che visitavamo durante le vacanze, con le cartoline incollate e i pensierini.

La mia maestra ci faceva leggere dei libri veri, come Cipì, non solo il libro di lettura o il sussidiario; in classe poi avevamo una biblioteca e ogni settimana potevamo portare a casa un libro da leggere.

La mia maestra aveva una mamma, aveva un marito e anche un figlio della mia età, e noi li conoscevamo: era come una mamma vera.

E infatti la mia maestra ci voleva bene. Si vedeva, si sentiva. Anche noi le volevamo bene: quando mancava eravamo tristi, anche se veniva la supplente Giovanna, che era giovane, brava e carina.

La mia maestra se n’è andata qualche anno fa, all’improvviso. Ma in quei cinque anni sono tanti i fagioli che ha piantato nella mia ovatta bagnata, e tante delle foglie che trovo oggi dentro di me, se ne seguo lo stelo giù fino alle radici, sono germogliate da quei semini di tanti anni fa.

La mia maestra era proprio brava.

Annunci

2 commenti

  1. Io lo sapevo, che la tua maestra era proprio brava. Basta leggere quello che scrivi, per saperlo per certo. 🙂

    1. Troppo buona davvero. Però, se con quel che scrivo riesco a renderle merito in qualche modo, ecco, ne sono contento. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, e sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: