Dove Hollywood fallisce


E’ in arrivo un post, l’ultimo, di letture primaverili. Arriverà, temo, ad estate già iniziata, visto che i tempi di lettura, in questo periodo, sono abbastanza compressi da una sonnolenza per nulla soprendente e piuttosto invadente.

Il romanzo che sto leggendo ha alcuni elementi biografici e storici legati all’Indocina nell’immediato secondo dopoguerra. Diciamo il periodo dell’ascesa di Ho Chi Minh, per intenderci.

Il nome Vietnam solitamente evoca immagini alla Apocalypse Now: una guerra americana.

Confesso il mio quasi totale disinteresse per l’argomento. Credo di aver visto Platoon, unico tra i film sul tema, giusto perché era in proiezione in un’assemblea di istituto quando ero liceale. Penso che il disinteresse sia legato alla prospettiva storica, indipendentemente da chi siano i buoni e i cattivi: la prospettiva di chi descrive la guerra in quanto tale, senza mai accennare al tempo di pace che l’ha innescata.

Ho scritto quasi totale disinteresse, perché invece alcuni nomi, alcune vicende, alcune presenze che ho ritrovato nel libro che ho sul comodino, riposavano inquiete in qualche angolo della mia memoria. Nomi come quelli del generale Giap, di Ho Chi Minh stesso, di Viet Minh, di Dien Bien Phu, del generale Navarre (ma come, un francese?): erano lì, da qualche parte, ad aspettare di essere rispolverati.

Ed è stato mio padre a farceli entrare. Chissà in che occasione me ne aveva parlato, chissà cosa gli avevo chiesto: lui mi aveva risposto con la storia della cacciata dei Francesi dall’Indocina, come se la ricordava lui che l’aveva seguita da adolescente, presumo alla radio.

E’ una delle cose che mi manca di più, di mio padre: il suo raccontare storie. A volte, storie con la s minuscola, aneddoti talvolta banali, magari legati alla sua esperienza lavorativa; altre volte brandelli della grande Storia che il suo tempo aveva attraversato, a differenza del mio.

Mi manca a due anni dalla sua scomparsa e a diversi di più da quando il suo raccontare storie si è appannato, ha perso ciò che sapeva comunicare: ancora oggi, sentendo certi nomi, leggendo di certi avvenimenti, la mia prima istintiva reazione è un’annotazione mentale, la prossima volta che lo vedo gliene parlo, gli chiedo…

Non mi manca, evidentemente, per le informazioni: le enciclopedie ieri e internet oggi garantiscono una maggiore precisione ed efficienza, senza dubbio. No, era qualcosa che assomigliava a un passaggio di testimone, proprio in senso sportivo, come una staffetta. Mi consegnava più che dei fatti, un’interpretazione dei fatti, un racconto che era lettura degli avvenimenti, quella di chi li aveva vissuti più o meno da vicino. Era anche un modo per conoscerlo meglio, mio padre, collocandolo rispetto non solo alle persone care e note, ma anche agli avvenimenti che avevano influenzato la sua vita e che erano rimasti come punti di riferimento anche per le generazioni successive. Parlandomi di Ho Chi Minh non me ne cantava le gesta, ma mi tratteggiava i miti, positivi per alcuni, negativi per altri, di un’epoca, quella dei suoi quindici anni, le paure e le speranze che quel nome esotico e lontanissimo evocavano qui allora. E lo faceva in modo intelligente: i suoi racconti erano spesso lunghi perché larghi, perché miravano anche a dar ragione del perché degli avvenimenti, a spiegare gli antefatti, a farmi capire che, come per gli effetti è impossibile stabilire un termine, anche per le cause è arbitrario determinare un inizio.

E dove hanno fallito le migliori forze dell’entertainment di Hollywood, è riuscito il racconto emozionale, esperienziale e intelligente di una persona cara. E un libro che tocca le stesse corde.

Da padre, da insegnante, questo me lo segno: è una lezione importante.

E anche questa la imparo ascoltando con emozione, vivendo l’esperienza di, leggendo con intelligenza: un racconto che può continuare ormai solo nel silenzio del ricordo.

Annunci

Un commento

  1. […] in Laos di Ravagli. Della ricostruzione della Storia in estremo Oriente ho già parlato brevemente in un altro post: me ne resta la sensazione di una realtà profondamente più complessa, variegata, ricca di storie, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, e sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: