Karpouzi


Era l’agosto del 2005.

Io e mia moglie avevamo appena iniziato la nostra vacanza nel Peloponneso. Prima notte sul traghetto tra Ancona e Patrasso, una volta sbarcati iniziamo il nostro giro in senso antiorario della grande penisola greca.

Prima tappa l’antica Olimpia, visita al sito, si riparte. Verso sera arriviamo in un posto che, ora, a distanza di otto anni, identificherei dalle parti di Kiparissia. Mai sentito nominare? Stupirebbe il contrario, visto che è un posto sperduto nel nulla.

Troviamo un cartello che indica camere libere e, dopo un certo sforzo di ricerca del personale in un nuovissimo e deserto residence, concordiamo il prezzo per la notte con un custode più scocciato che contento di avere, per quella sera, almeno un alloggio occupato.

Appoggiamo le nostre cose, ci liberiamo sotto la doccia di almeno trentasei ore di viaggio, e scendiamo nella calda ma ventilata serata a cercare informazioni circa una taverna nelle vicinanze. Il custode è sparito. Vabbè, ci arrangiamo noi. Ci rimettiamo in macchina (fuori dal residence nel raggio visivo cadono solo lampioni e un paio di strade) e dopo pochi chilometri verso Pylos troviamo appunto una taverna illuminata ma desolatamente vuota.

Entriamo e veniamo accolti da almeno tre generazioni di ristoratori che ci fanno una festa inverosimile nell’unica lingua che evidentemente conoscono (e che, manco a dirlo, ci è del tutto ignota), ovviamente il greco. Ci accomodiamo al tavolo, sotto un tendone gemente per la brezza, indichiamo un po’ di voci del menu che conosciamo, veniamo serviti rapidamente e con cortesia, il cibo è buono e abbondante.

Finito quello che riteniamo essere il secondo, chiediamo un po’ a gesti un po’ in italiano se hanno qualche dolce da consigliare. Non ci capiamo. Noi continuiamo a ripetere, questi offrono il caffè, noi che diciamo sì il caffè dopo, ma prima non c’è altro?

All’improvviso il ragazzino di turno a cercare di comprendere le nostre esigenze (si sono impegnati, eh) si illumina in volto. “Karpouzi”, dice. Io e mia moglie ci guardiamo: “Karpouzi? Karpouzi!”. Vada per il karpouzi.

La soddisfazione per essere riusciti a concludere degnamente il pasto si mescola con la curiosità per questa nuova specialità di cui assolutamente non abbiamo mai sentito parlare. Che sarà mai, questo karpouzi?

Da allora il termine “karpouzi” è entrato nel nostro gergo familiare, insieme al ricordo delle risate che ci siamo fatti quando ci è stato presentato, un minuto dopo, ciò che avevamo ordianto.

In fin dei conti, una fetta di anguria d’estate è sempre gradevole, e se non è abbastanza esotica o sofisticata, vi consigliamo di chiamarla karpouzi e la vedrete diventare immediatamente una specialità gastronomica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: