Un angolo di vergogna


Ci sono genitori per cui il pediatra (pediatra di libera scelta, PLS) è il parafulmine delle proprie insicurezze.

Oggi non ha fatto la cacca? Chiama il pediatra. Ha succhiato venti grammi di latte meno di ieri? Mandagli un email. Ha trentasette e tre? Portalo in ambulatorio.

Spesso un atteggiamento sbrigativamente rassicurante del PLS può essere inteso, dai genitori di questa categoria, come scostante, tagliente, indisponibile. E quindi: “il pediatra a cosa serve? quando ne hai bisogno non c’è o ti tratta male… meglio sarebbe non pagarlo con le tasse, tenerci i soldi e andarci privatamente quando serve”.

Perché, per fortuna, i bambini che vivono oggi in condizioni mediamente agiate raramente “ne hanno bisogno” davvero, del pediatra; molto spesso basterebbero i consigli di una nonna o di un genitore più esperto.

E però ci sono i casi in cui la presenza di un pediatra è fondamentale, addirittura indispensabile. Perché ci sono sintomi che l’occhio di una nonna o di un genitore più esperto non sono in grado di interpretare. Perché ci sono malattie che non sono la varicella, che non passano in quindici giorni, per cui non basta la tachipirina. Perché ci sono patologie che si individuano per tempo solo seguendo passo passo lo sviluppo di un bambino, da quando è nato. Perché ci sono condizioni croniche che richiedono una presenza periodica, un accompagnamento continuo.

Il PLS è lì per la salute e la qualità di vita dei bambini, non per la tranquillità dei genitori.

(Poi, è chiaro: ogni pediatra è più o meno bravo, ha le sue fissazioni di cui fra cinque anni si spera che riderà anche lui, questo pro vaccini, quell’altro contro, questo pro biologico, quell’altro contro, questo tutto omeopatico, quell’altro agopuntore sciamano derviscio eccetera).

Per un bambino oggi, avere un PLS è una grande conquista a tutela della sua salute.

L’Italia nel 1991 ha ratificato la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia. All’articolo 24, la Convenzione recita:

1. Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo al godimento dei piu’ alti livelli raggiungibili di salute fisica e mentale e alla fruizione di cure mediche riabilitative. Gli Stati parti devono sforzarsi di garantire che il fanciullo non sia privato del diritto di beneficiare di tali servizi.

2. Gli Stati parti si sforzano di perseguire la piena situazione di questo diritto ed in particolare devono prendere misure appropriate per:
a) ridurre il tasso di mortalità neonatale ed infantile;
b) garantire a tutti i bambini la necessaria assistenza e cure mediche, con particolare riguardo allo sviluppo ed ai servizi sanitari di base; […]

Si parla del “fanciullo”. Non del “fanciullo residente”. Non si fa menzione a nessuna qualificazione del fanciullo in sé. Tanto meno dei suoi genitori. Si parla, invece, di “tutti i bambini”. Tutti.

Privare i bambini figli di immigrati irregolari delle cure pediatriche di base è, guardandola dal punto di vista dei bambini, una discriminazione illegale quanto odiosa. I sintomi, le malattie, le patologie, le condizioni di cui scrivevo sopra, pur rare, non colpiscono i figli italiani in modo esclusivo, non si presentano in questura per chiedere lo stato del permesso di soggiorno dei genitori, non concordano con gli amministratori una politica epidemiologica.

Non so di che mentalità sia figlia, se razzista, pragmatista, risparmista, di destra, leghista o lombarda. Non mi interessa. Credo che sia, dal punto di vista di chi la propone e la difende, semplicemente e unicamente una vergogna.

Vergognatevi anche voi.

2 commenti

  1. Sante parole come sempre !

    1. Bentornata! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: