A scuola nella provincia del mondo


Avevo visto, qualche tempo fa, una delle solite immagini-slogan, che ora non saprei ritrovare, più o meno di questo tenore:

mamma A: siccome voglio che mio figlio non incontri bambini immigrati lo mando alla scuola privata;

mamma B: e allora io mio figlio lo mando alla scuola pubblica così non incontra tuo figlio.

Segnalo soltanto l’errore lessicale sul binomio pubblica/privata che invece intenderebbe statale/parificata.

Sorvolo rapidamente anche sul luogo comune per cui nella scuola privata gli alunni siano al riparo dall’esposizione a certe realtà sociali. Sono certo che in alcune realtà questo luogo comune non corrisponda alla realtà. A occhio, però, direi che in media le caratteristiche della scuola non statale in Italia possono effettivamente costituire un filtro piuttosto pesante se non già sull’utenza potenziale, almeno su quella reale.

Lascio perdere un attimo la mamma B, su cui torno in chiusura. Ma di mamme A (e di papà/babbi, non è una questione di genere se non per il fatto che è più facile trovare mamme che si occupano della scuola dei bambini) ne conosco diverse. Magari non così estreme, magari non lo dicono al vento, ma non hanno mai avuto a che fare con persone che non abbiano un albero genealogico compreso tra le Alpi e il Mediterraneo, o addirittura tra il Po e l’Appennino, da generazioni, non hanno amici stranieri, e gli unici posti in cui potrebbero avere contatti con persone non indigene-con-pedigree sono quelli in cui c’è da fare una fila o vivere una situazione di disagio (le poste? l’ASL? l’autobus?) per cui il trasferimento e l’associazione dello straniero con il fastidio è facile e facilmente còlto.

Ed è normale, forse, che sia così. Siamo un Paese alla periferia del mondo, abituato a considerarsi centrale, ma che quella centralità l’ha persa da secoli. Siamo un Paese innamorato di sé, della propria cultura, del proprio stile di vita: basta guardare l’atteggiamento che hanno gli Italiani nei confronti del cibo, del bidet, del caffè non appena varcano il confine. Siamo i provinciali del mondo, e non riusciamo a vedere, non riusciamo a capacitarci di quel che succede negli altri Paesi, quelli che da decenni, da secoli vivono le ricchezze e i problemi dell’immigrazione e dell’integrazione, nonostante i film, nonostante la letteratura, la musica e tutte le altre forme culturali che comunque da là ci raggiungono.

Mi sono piaciute molto le parole della giovane figlia della ministra Kyenge, i suoi consigli che io estendo alla signora A: viaggi, signora, incontri persone, vada incontro a chi è diverso da lei.

Per quanto riguarda i miei figli, li mando, e per quanto potrò li manderò, alla scuola statale. E non perché, signora B, lì non ci saranno i figli della signora A, perché invece ce ne saranno anche lì, e meno male. Ma perché è la scuola di tutti e per tutti, quella in cui ognuno, potenzialmente e realmente, deve essere e sentirsi benvenuto, anche quelli poco o tanto diversi dai miei figli, per il colore della pelle come per la lunghezza dei capelli o per le opinioni calcistiche. Perché nell’Italia di provincia di oggi, incontrare e conoscere le persone e ciò che portano con sé è palesemente più importante di riuscire a finire tutto il programma grazie al fatto che in classe tutti sono italiani madrelingua.

2 commenti

  1. Bravo come sempre nella tua analisi della situazione. Se tu sei contento di mandare i tuoi figli alla scuola pubblica io sono contenta che l’attuale generazione abbia insegnanti come te. C’è una bellissima canzone di De Gregori cantata da Fiorella Mannoia che si chiama “cuore di cane” e dice: “perchè viaggiare non è solamente partire e tornare ma imparare le lingue degli altri, imparare ad amare”

    1. Grazie Monica del suggerimento (e delle belle parole): DeGregori soprattutto non rientra nella musica che ascolto con maggiore frequenza (nonostante gli sforzi profusi qualche tempo fa da una mia ex-alunna particolarmente appassionata), ma quella del viaggiare per imparare le lingue degli altri è un’intuizione che sento molto vicina, mi piace molto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: