Dietro un bacio, un grande assente


Era il 2005, il 28 agosto (data simbolica, tra l’altro: le celebrazioni di ieri del sogno di Martin Luther King ce lo ricordano), otto anni fa.

A Piacenza, in piazza Cavalli, si svolgeva il concerto di Miriam Makeba, Mama Africa.

Tra il pubblico, una giovane caraibica di origini indiane al termine del concerto, titubante, si avvicina alle transenne che separano la piazza dal retropalco. Lì l’anziana cantante saluta i fan. La giovane le grida “Trinidad loves you!”. Makeba la sente, si ferma, le si avvicina e la bacia.

C’è qualcosa da capire, qui, dietro a questo grido, a questo bacio. C’è un personaggio taciuto, assente.

Si chiamava Stokely Carmichael, conosciuto anche, nel mondo della diaspora africana, come Kwame Ture.

Se si cerca su Wikipedia, si scopre che Carmichael nacque nel 1941 a Trinidad, nelle Indie Occidentali britanniche, ma si trasferì adolescente a New York. Come studente della Howard University, si affiliò allo Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC) e fu arrestato diverse volte per aver partecipato attivamente alle Freedom Rides. Nel 1964 partecipò alla fondazione del Mississippi Freedom Democratic Party, come risposta all’atteggiamento del Democratic Party, dominato nel sud da lobby bianche e segregazioniste. Nel 1966 fondò nella contea di Lowndes, Alabama, il LCFO, un partito locale finalizzato alla rappresentanza politica della popolazione afroamericana della contea, allora una maggioranza senza rappresentanti nelle assemblee elettive. Il simbolo di tale partito era una pantera nera, a cui si ispireranno poco più tardi ad Oakland per il Black Panther Party. Fu collaboratore di Martin Luther King; prese poi le distanze dai Black Panther e si impose l’esilio in Africa, in Guinea, dal 1969 alla morte, avvenuta nel 1998.

Miriam Makeba fu sua moglie dal 1968 al 1973.

La popolazione di Trinidad, di qualunque origine etnica, tende ad essere abbastanza orgogliosa dei suoi figli illustri, anche quando sono lontani dall’isola. E a fianco di Carmichael si ricordano di Mama Africa; evidentemente anche lei lo sapeva.

Ecco chi c’era dietro quel grido, dietro quel bacio. Un uomo amato tanti anni prima, una terra lontana, affetti sopravvissuti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: