Singolare plurale


Ai miei tempi, credo, si chiamava “Disegno e storia dell’arte”. Perché allo scientifico si faceva anche qualcosa di disegno tecnico. Nel classico in cui insegno si chiama invece “Storia dell’arte”.

No, è che in questi giorni sono stato coinvolto in un giochino simpatico su Facebook, la solita catena di Sant’Antonio, in verità, ma gradevole. Ti viene assegnato un pittore (quasi unicamente, eccezionalmente uno scultore), tu scegli l’opera che preferisci, la pubblichi come status con il solito testo della catena Sant’Antonio, e via via che i tuoi contatti dimostrano di voler aderire premendo il classico “like”, tu assegni loro altri pittori e via così.

Il testo, che è quello che mi ha suscitato la presente riflessione, dice così:

Questo è un gioco per mantenere viva l’arte! Clicca “Mi piace” e io ti assegnerò un artista.

Ecco, mantenere viva l’arte. Al singolare come in “disegno e storia dell’arte”.

Ora, “le arti”, al plurale, è un’espressione che ho anche sentito usare. Le Muse erano nove, per i Greci, e per Erodoto le arti da loro presiedute erano:

  • Commedia (Talia)
  • Tragedia (Melpomene)
  • Danza (Tersicore)
  • Mimo (Polinnia)
  • Storia (Clio)
  • Astronomia (Urania)
  • Poesia epica (Calliope)
  • Poesia lirica (Euterpe)
  • Poesia amorosa (Erato)

Pittura e scultura: assenti (pur se non pare che i Greci ne fossero proprio digiuni). Presenti invece tante altre… arti che ancora abbiamo, pratichiamo, apprezziamo, alcune delle quali sono diventate discipline a sé stanti, con uno statuto più scientifico che artistico.

La pittura era presente nelle “arti meccaniche” (quelle del “fare qualcosa”) medievali, mentre la musica era una delle arti liberali (quelle dei libri – secondo l’etimologia che Chiara Frugoni ricava da Isidoro da Siviglia), mentre l’architettura è stata sballottata avanti e indietro tra le due categorie.

Allora, se quando diciamo “l’Arte” e pensiamo solo alla pittura e alla scultura, o ci dimentichiamo che le arti sono tante, o stiamo dando alle arti figurative una posizione di antonomasia assolutamente discutibile (nel senso che vedo ottime ragioni pro, ma ottime anche contro).

La cosa che mi preoccupa un po’ di più del giochino di Facebook sono diciture scolastiche come “Istituto d’Arte”, “Storia dell’Arte”, “Belle Arti” (un plurale che inganna), dove Prassitele, Canova, Delacroix e Fontana hanno piena cittadinanza, con LeCorbusier e Gropius già ci si avvicina al confine, ma di Haydn, Djagilev, Cartier-Bresson nemmeno l’ombra, e per fortuna Omero, Leopardi, Molière e Shakespeare sono già inclusi nella Letteratura, che evidentemente non è Arte.

Ecco, a parte un libro di testo completamente inutile e insegnanti di vario livello di umanità, della mia esperienza di “Disegno e storia dell’arte” ricordo soprattutto la spiacevole sensazione di aprire un solo cassetto e vederlo spacciato come l’intero comò. E probabilmente quei poveri variamente umani docenti non avrebbero potuto fare diversamente, dotati solo di un libro di supercazzole su cui avevano studiato anche loro a loro tempo e di conoscenze assai approfondite sul solo cassetto che, per tradizione, era loro stato mostrato e richiesto.

Ecco, mi piacerebbe allora un po’ di giustizia. Chiamiamola “Storia dell’arte figurativa” e facciamola finita. Diciamo che a noi in Italia interessa solo quella. Buttiamo al macero Rossini Verdi Puccini, cancelliamo Carla Fracci, chiediamo a Berengo Gardin di andarsene in Svizzera e toglierci d’imbarazzo.

Oppure rendiamoci conto che gli Uffizi o Brera non sono gli unici scrigni d’Arte del Paese, ma anche ogni piazza in cui si fa musica, si danza, si fa teatro, si presenta una mostra  di qualche altra forma d’arte non ben codificata. E cambiamo la formazione degli insegnanti, cambiamo i programmi, cambiamo la materia, magari riservandole qualche ora in più alla settimana.

E non perché siamo in Italia e l’Arte e e e il PIL, per favore.

Solo e semplicemente perché l’Arte (tutta, non per antonomasia) fa bene. E’ come un olio di bellezza sui lineamenti dell’anima. Senti una persona parlare e te ne accorgi subito di cosa usa per spianarsi le rughe interiori.

Là, l’ho detta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: