L’ora di ricevimento


Ieri, dopo la pausa per gli scrutini e le altre esigenze organizzative della scuola, ho avuto la mia prima ora di ricevimento dei genitori.

Deserta.

Mettiamoci il blocco del traffico del giovedì, mettiamoci le difficoltà che oggi più che quattro anni fa i genitori possono trovare nell’ottenere un’ora di permesso lavorativo per venire a colloquio, mettiamoci il fatto che matematica non è considerata una materia fondamentale al classico, mettiamoci dentro tutto, la cosa mi ha però dato un leggero fastidio e mi ha posto un interrogativo.

Le premesse: l’insegnante di matematica è cambiato a gennaio, con gli scrutini intermedi; gli alunni o i genitori di alunni con necessità particolari si sono comunque fatti vivi anche al di fuori dell’orario di ricevimento per far presente tali necessità e prendere contatti, e sono stati i benvenuti, ovviamente; il registro elettronico permette comunque ai genitori di conoscere giorno per giorno, o settimana per settimana, a seconda della rapidità dei docenti nell’aggiornarlo, la situazione dei voti.

Proprio quest’ultimo fatto mi ha suscitato una domanda: non è che ai genitori, per caso, interessino solo i voti, che possono ora leggere da casa sui loro tablet?

Domanda retorica, ovviamente: alcuni genitori effettivamente danno questa impressione, e non da oggi. Forse però questa possibilità offerta dalle tecnologie, il registro elettronico consultabile da casa (dico forse, è passato effettivamente solo un colloquio andato buco e con tutte le circostanze già menzionate), asseconda questa tendenza e rende il colloquio un lusso, un “di più” che chi può evitare evita?

Laddove invece io ci terrei a conoscere i genitori dei miei alunni. Per il semplice motivo che ritengo, ma forse è un’idea un po’ romantica, un po’ démodée e da pacca sulle spalle, che stiamo lavorando insieme. Mi piacerebbe che si avvertisse, e che avvertissi io pure, come ho avvertito e avverto nei confronti degli alunni i cui genitori sono invece venuti “fuori orario”, che c’è un gioco di squadra nel campo educativo nei confronti di queste ragazze e di questi ragazzi.

Mi piacerebbe, in sostanza, che questa ora di ricevimento fosse avvertita come un’opportunità per me e per i genitori di lavorare meglio e insieme. Mi piacerebbe che fosse l’occasione di un feedback reciproco, che in questo caso serve a me prima di tutto, ultimo arrivato, su quello che si fa, che si dice, che si è nella relazione con le classi e con le persone che le compongono.

Ecco il senso di fastidio: ho conosciuto i ragazzi, ormai so i nomi o i cognomi di tutti, conosco alcune delle loro difficoltà, dei loro punti di forza, dei loro atteggiamenti nei confronti delle mie materie e della scuola in generale. Avrei bisogno di altre informazioni, ora, così come probabilmente, (per forza di cose e non necessariamente in positivo) sto anche fornendo altre informazioni ai ragazzi rispetto a quello che chi mi ha sostituito ha fatto per tre mesi: sentiamoci, parliamone, va bene, non va bene, come possiamo fare?

Bene, forse mi sto fasciando la testa prima che questa sia rotta: meglio così se è stata solo la paura dei vigili che controllano se viaggiano a metano o se inquinano a tradimento proprio al giovedì, a trattenere uno stuolo di genitori (e con oltre centocinquanta alunni, posso parlare di stuolo) dal venire a incontrarmi. Vedrò nelle prossime settimane.

Però l’interrogativo rimane, e il desiderio di conoscere questi genitori pure…

Annunci

5 commenti

  1. Io sono molto drastica. Ho l’impressione, e vale per gli asili come per le elementari, medie, ecc, che la scuola sia diventata un posto comodo dove “parcheggiare” i figli sapendo che c’è qualcuno che bada a loro. La comodità di vedere i voti da casa non dovrebbe mai sostituire il colloquio con il professore dove, oltre al voto, si dovrebbe parlare anche di comportamento, di educazione, di carattere, di problematiche, di possibilità per il futuro. Questo atteggiamento dei genitori è, oltre che poco educato nei confronti del nuovo professore, decisamente menefreghista nei confronti dei loro figli e la dice lunga su certi atteggiamenti che ritroviamo nei ragazzi di oggi. La macchina non può sostituire il rapporto umano e i colloqui non possono essere sostituiti da un rendiconto visualizzato sul tablet.

    1. Sono d’accordo con parecchie delle cose che dici. Lasciamo il beneficio del dubbio, per ora? 🙂

  2. Il fatto è, detto da mamma di una bambina che pur essendo in 2° elementare ha già visto passare ben 7 maestre/i, che quando si parla con gli insegnanti a volte (spesso?) si ha l’impressione che a loro non interessi proprio un bel niente di sapere qualcosa di più sui loro allievi, e tantomeno di raccontarne. Ci si trova davanti una persona un po’ scocciata che dopo aver detto “ha sbagliato il test di italiano – legge un po’ meglio – le tabelline non sono più un problema insormontabile” (cose di cui credo che qualsiasi genitore sia in grado di accorgersi da solo, con o senza registri elettronici) trovano una perdita di tempo inutile le proposta di affrontare insieme il problema del rifiuto totale alla lettura libera, magicamente spuntato all’improvviso in una bambina che già a 5 anni aveva sempre il naso nei libri, o la difficoltà a giocare con le compagne, o il terrore ad andare in bagno “perché le grandi ci chiudono dentro”….sono solo all’inizio della mia carriera di “mamma di studentessa” e spero di incontrare prima o poi insegnanti che credono nel ‘gioco di squadra educativo’, evidentemente qualcuno c’è, ma ammetto che se continua così probabilmente tra qualche anno sarò tra quei genitori che ci pensano 3 o 4 volte prima di prendersi una super-ramanzina dal titolare per avere un permesso per andare dai prof…

    1. Mi dispiace leggere di queste esperienze. La mia esperienza di genitore è più acerba e si limita a tate di nido e maestre dell’infanzia, ed è completamente opposta, ma capisco che il mio possa essere un caso fortunato, o, più semplicemente, che le realtà dipendono molto dal territorio, città o provincia, nord o sud, e via dicendo.
      Dire che tra gli insegnanti ci sono persone motivate e demotivate come in ogni professione serve a poco, a mio parere. Serve di più non rinunciare, e lo dico nella mia duplice veste, richiamare chi non lavora bene alle proprie responsabilità, anche in modo gerarchico, informarsi e scegliere con oculatezza, eventualmente cambiare classe, scuola. Ma ancora di più, credo, farsi forza a vicenda, sostenersi tra chi ancora ci crede nonostante tutto, da una parte e dall’altra della cattedra. In bocca al lupo!

  3. Per la cronaca, il secondo giovedì non è andato deserto. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Babù

Pittura, Fotografia, Illustrazioni di Francesca Bartalucci

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Frank Iodice

Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, e sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photography

Learning and teaching the art of composition.

La Beliarda

Vicende tragicomiche di una feudataria scassata

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Travel Far and Away

Our world, Your Inspiration

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

the way I see it @shlehora

Photography, my luvs and things that make me go hmmm...and huh?

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Words Engineer

word speaks,word builds

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures from NouvelleAquitaine

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: