Sostituire gli insegnanti


Mi è stato segnalato questo video, parte dei TED talks sull’istruzione (in realtà ne esiste anche una versione sottotitolata in italiano, ma non sono riuscito a ritrovarla). Il prof. Mitra rende conto dei suoi studi, svolti in tutto il mondo, sulla possibilità di realizzare processi di apprendimento senza insegnamento.

In altri termini: un gruppo di alunni, un computer connesso in banda larga a internet, un cloud di nonne a fare da assistenza remota, alcuni compiti da svolgere. E questo, secondo quanto osservato dallo studioso, porterebbe ad apprendimenti persistenti e approfonditi.

E’ una tesi suggestiva, che a mio avviso deve essere conosciuta, soprattutto dagli addetti ai lavori, perché consente di ripensare in modo profondo e incisivo la didattica.

D’altra parte, è una tesi estrema, i cui limiti devono essere definiti e chiariti.

E mi piace: io sono convinto che si tratti di una riflessione su basi sperimentali forse fortunate, da parte di Mitra, ma sicuramente fondate. Anch’io ho avuto esperienze, sia in ambito scolastico che familiare, di apprendimenti emersi all’interno di un sistema di istruzione autoorganizzato.

Mi piace in particolare:

  • l’aspetto sociale dell’apprendimento che viene messo in evidenza;
  • l’assunto che le nozioni pure riposino meglio sulla rete che nelle teste;
  • il protagonismo del discente nel percorso di apprendimento;
  • la motivazione intrinseca all’apprendimento, cercata, anche socialmente, dai singoli allievi e non fornita dall’esterno dai docenti o comunque dalle figure adulte;
  • l’idea, attribuita allo scrittore Arthur C. Clarke, che un insegnante che possa essere sostituito da una macchina debba esserlo.

Ci sono però alcuni aspetti che ritengo cruciali che questo tipo di riflessione mi solleva.

  • Prima di tutto, cosa vuol dire apprendimento? Cosa ne è possibile misurare? L’idea è che se aver appreso significa custodire una nozione ed essere in grado di richiamarla a distanza di tempo e nel contesto corretto, allora la strategia mostrata nel TED talk può essere assolutamente vincente, sia per efficacia che per economicità; se però all’apprendimento si associano anche connotazioni di tipo operativo, il saper fare qualcosa, il saper sviluppare abilità, che richiedono applicazione costante e ripetuta, ad esempio, o dimostrazioni laboratoriali personalizzate, qui mi permetto di avanzare dubbi sull’efficacia dell’approccio di cui si parla; 
  • mi pare evidente che esista un problema di fonti, per quanto riguarda internet; voglio dire che vi si può trovare di tutto, e l’ultima cosa che un sistema educativo vuole è formare cittadini sprovveduti e incapaci di distinguere l’autorevolezza delle informazioni ritrovate; questo aspetto è totalmente assente nella presentazione di Mitra; il materiale trovato su internet raramente è gerarchizzato, raramente presenta apparati critici degni di tal nome, oppure è inserito in contesti distanti da quelli ideali per l’apprendimento scolastico, da autori talvolta imprecisi, disinformati o animati da motivazioni particolari; il che non significa che questi materiali non abbiano valore, ma piuttosto che sia necessario un lavoro guidato, critico, di integrazione con materiali magari di più difficile accesso;
  • “scoprire” ogni volta ciascun elemento del sapere accumulato dall’umanità sicuramente porta ad un apprendimento più solido e duraturo, meno esteso per motivi di tempo ma anche, forse, meno profondo per le difficoltà nel correlarlo con il sapere già acquisito, ma che non può essere l’unico; le competenze di comprensione diretta di un testo alla prima lettura, di selezione e memorizzazione degli elementi essenziali, di contestualizzazione nell’ambito del sapere già appreso sono competenze su cui un sistema educativo non può fare a meno di puntare e che richiedono un percorso diverso, almeno in parte; inoltre, libri, riviste altre fonti “tradizionali” hanno anch’essi una valenza educativa che non può semplicemente essere cancellata arbitrariamente;
  • una presentazione di un argomento, soprattutto in certe discipline, non è “neutro”, non si limita ad una rassegna di nozioni “da sapere” (e perché? chi lo dice?), ma ha alcuni approcci più naturali, come quello storico/epistemologico o quello tematico, per cui è necessaria una organizzazione didattica coerente di percorsi di apprendimento; questo è ovviamente compito di chi già possiede i saperi necessari, conosce le fonti utili, ma soprattutto distingue gli obiettivi, è in grado di collocare il percorso in un quadro più ampio, sa offrire motivazioni e metodologie adatte;
  • sembra che per qualche motivo il lavoro all’interno dei gruppi del prof. Mitra sia equamente distribuito e l’apprendimento sia raggiunto in modo omogeneo da tutti i partecipanti; la mia esperienza con i lavori di gruppo, anche se con modalità diverse, dice qualcosa di molto diverso; ammettiamo pure che abbia ragione Mitra, e che la mia esperienza sia semplicemente un rischio, che tuttavia è ragionevole e saggio supporre che sussista: come affrontarlo, in assenza di insegnanti?
  • se la valutazione del risultato del processo di apprendimento è un test nozionistico o di rielaborazione di base delle nozioni, posso concordare sull’efficacia del metodo come proposto; ma se i criteri sono più complessi, meno “oggettivi” forse, ma più completi perché, ad esempio, richiedono che l’allievo restituisca in modo più o meno sintetico la complessità dell’argomento, le interpretazioni, dia valutazioni personali motivate, fornisca quadri d’insieme, mostri la connessione dell’argomento con aree attigue del sapere, io credo che il metodo mostrato sia ampiamente insufficiente;
  • i modelli cognitivi e di apprendimento compatibili con la rete sono profondamente (topologicamente) diversi da quelli che hanno caratterizzato l’istruzione negli ultimi secoli; non dico migliori né peggiori: diversi; e, per quanto siano i modelli che tanti oggi indicano come quelli che informano le menti dei giovani, non credo sia corretto né utile cancellare completamente il passato;
  • infine, psicologicamente, credo che sia deleterio il messaggio che occuparsi dell’apprendimento delle giovani generazioni sia una fatica sproporzionata che andava compiuta finché non avessimo avuto strumenti idonei e che finalmente è possibile demandare alle macchine ed eventualmente alle nonne che hanno tanto tempo libero e non fanno altro che incoraggiarti; credo invece che sia essenziale il fatto che gli alunni avvertano che la società investe in loro, li affianca con professionisti competenti per aiutarli nei percorsi di apprendimento, per lavorare con loro, imparare con loro, a loro disposizione.

Torno allora all’affermazione dell’autore di “2001: Odissea nello spazio”: se un insegnante può essere sostituito da una macchina, deve esserlo. Che mi vede assolutamente d’accordo. Nel senso che io credo fermamente che esistano dei caratteri dell’insegnante all’interno di un percorso educativo che non possono, né potranno mai, essere sostituiti da una macchina. Ed è questa, a mio avviso, la direzione in cui l’insegnante deve muoversi, non per difendere la propria posizione, che non può avere nulla da temere dalla ricerca didattica ma piuttosto da una società istupidita; non per difendersi, dicevo, ma per sfruttare le innegabili possibilità che lo sviluppo tecnologico offre, che la società richiede siano usate, e che, senza gli insegnanti, sarebbero utilizzate male.

Allora io credo che ricerche come quelle di Mitra siano assai interessanti per un insegnante: mostrano le potenzialità educative dei mezzi tecnologici, danno un’idea dei campi in cui l’insegnante può essere sostituito, lo aiutano a procedere in questa sostituzione, inevitabile sul lungo periodo. E, soprattutto, gli offrono uno sguardo su un modo nuovo di lavorare con la tecnologia in modo organico che lo valorizzi come professionista laddove, evidentemente, nessuna macchina potrà mai sostituirlo.

Un commento

  1. […] io mi vedo un video online, il video mi provoca, ci scrivo un post in cui commento dicendo, in sostanza, che ci sono cose in una classe scolastica per cui ci sarà […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: