Un dubbio


Mi era parso che l’idea di democrazia diretta fosse essenziale, racchiusa come un nocciolo all’interno della proposta politica del M5S.

Faccio un po’ fatica a capire dove sia finita. Mi pare, invece, che si parli più spesso, ormai, di commenti censurati, di senatori traditori, di violazioni imposte della segretezza del voto… tutto per assecondare invece un’idea, quella del Fondatore, o del Guru, non capisco e non vorrei togliere a uno o all’altro le sue prerogative, che non ammette, evidentemente, confronto.

Si è invocata la consultazione online: sull’atteggiamento da tenere per quanto riguarda i tentativi del PD nel formare un governo; sul voto nel ballottaggio tra Grasso e Schifani; e probabilmente ancora verrà invocata.

Mi sorge un dubbio. Un dubbio che vedrò fugato, anche se solo parzialmente, quando una seria piattaforma di democrazia condivisa verrà finalmente offerta dal M5S ai suoi elettori.

Il dubbio è che in testa al MoVimento (qualcuno mi spieghi per favore perché bisogna scriverlo con la V maiuscola in mezzo alla parola) sia maturata la consapevolezza che la tanto sbandierata democrazia partecipata sia un po’ un prodotto stagionale. Va bene, ma non proprio sempre.

Ossia che ci siano dei momenti in cui la qualità dei voti deve pesare più della quantità. La dico in modo diverso: momenti in cui la strategia deve avere il sopravvento sull’agire d’impulso o persino sulla tattica. Ancora meglio? Momenti in cui al politico sono chieste scelte impopolari per un bene comune che è difficile da rappresentare. Momenti in cui al politico è richiesto di prendersi una responsabilità in nome di quel mandato di rappresentanza che ha ricevuto. Momenti in cui il Parlamentare non è un semplice portavoce.

Ossia che la differenza tra democrazia rappresentativa e democrazia diretta non è un fatto puramente tecnico: come se finora la seconda non fosse mai stata tentata perché non c’era “la rete”.

Ossia del fatto che è ragionevole selezionare i Parlamentari anche sulla base delle loro competenze e non solo sulla base della loro obbedienza, perché non sono e non saranno mai dei semplici portavoce, nemmeno se tutta la platea degli elettori partecipanti online fosse di superesperti.

Questo è il mio dubbio. Che vedo alimentato dal fatto che ancora di piattaforme in vista non pare ce ne siano, dal fatto che ancora chi tenta di dettare legge, da fuori, sia accusato di censura nei confronti di chi esprime opinioni discordi, e che chi si trova in Parlamento, come i senatori M5S siciliani, debba iniziare a interpretare, senza consultare, il proprio elettorato, debba cioè lavorare di testa propria.

Per quanto mi farà piacere vedere all’opera questo strumento di democrazia partecipata, perché significherà ridimensionare i leader, specialmente quelli esterni, sono convinto che non sarà uno strumento risolutivo nel rapporto tra la politica e la gente.

Non lo è ora, perché, mancando, mina la credibilità di un movimento politico che su di esso ha puntato forte; e non lo sarà quando ci sarà, perché la Costituzione avrà sempre un valore maggiore del voto online.

Art. 67

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Art. 68

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni. […]

Lo strumento risolutivo nel rapporto tra la politica e la gente non sarà, credo, uno strumento. Sarà, come sempre è qualcosa di risolutivo, una diversa cultura. E non si può pretendere un vero cambiamento di cultura ai rappresentanti senza che lo vivano anche i rappresentati.

Io credo che qualche segno di questo cambiamento sia entrato anche nel Palazzo. E non da una sola porta.  Sarebbe bello vedere chi è accomunato da questa novità provare a parlarsi, invece che rivendicare chi è più puro, e più duro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dire, fare, baciare...

pensieri di uno che cerca di essere umano

wwayne

Just another WordPress.com site

Una penna spuntata

Storia e Folklore

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

AlterEgo

Il blog di AlterEgo - Uno, Nessuno e Centomila

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

My Little Underground

storie di una gioventù bruciacchiata

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

redstuffdan

Original Pictures from Nouvelle Aquitaine

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Pizzuti

Glyptics \ Sculpture

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

Living & Loving Life

A journey into my world...

Pega's photography Blog

La fotografia è una scusa...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Picture Perfect Memories for life

Myriad memories frozen in time

Tina Friesen

Seek wisdom leading to life and peace.

being mrscarmichael

a superwoman in my own suburb

Think of nothing

girl, living in the far north, trying to think less and live more.

Travels and Trifles

Expressing Thought Through Photography

The Wish Factor

How did I get here...

L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

Chronicles of Illusions

When I let go of what I am, I become what I might be. – Lao Tzu

Northwest Frame of Mind

At home in my corner of the world

This, that and the other thing

Looking at life through photography and words

Littlerome's room

Pensieri, parole, opere e omissioni

I did it ... for Johnny

A bit of humor, an occasional deep thought

Nora's Suitcase

You’re in a lovely site ever

Outlook in Life

... and it is ever changing

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

rpdpod

a torrent of photos/a drip of words

Ancorase

sulla rotta della consapevolezza

EL Appleby: Brain Fragments

out of my tiny mind

retireediary

The Diary of a Retiree

Top 10 of Anything and Everything

Animals, Travel, Casinos, Sports, Gift Ideas, Mental Health and So Much More!

SnappyJaye

A Photo Journey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: