Festa della Pace


Ieri pomeriggio ho vissuto un momento surreale, da cui ancora devo riprendermi del tutto.

Mia moglie e io abbiamo portato i bimbi alla Festa della Pace dell’ACR: c’erano i laboratori per i piccolissimi, e i nostri “piccolissimi” non vedevano l’ora di partecipare.

Tra le 600 persone che hanno affollato la scuola che ha ospitato l’iniziativa, tanti amici di lunga data, di quelli che ci si vede solo in queste occasioni. Ma questo era preventivato.

Il flusso dei ricordi è stato costante, ovviamente, con il loro culmine quando Federico mi ha ricordato il Mago Fantasy. Che ero io, cent’anni fa. Persino i miei piccoli sanno dei miei trascorsi magici, e quando #1 sente la sigla di Hawaii-Five-O sa che mi fa piacere se mi chiede di quando entrai nell’agone della palestra di quell’altra Festa della Pace del millennio scorso vestito di una tunica argento e di un cappello a punta, arrancando su pattini a rotelle mai indossati prima come la guest star senza controfigura di un cult movie. E ci facciamo ovviamente un paio di grasse risate.

Ma poi, uscendo dalla scuola a festa finita, le cose hanno cominciato a confondersi.

F, che ricordo forse dai tempi delle vacanze-studio in Inghilterra alle superiori mi coglie di sorpresa notando che alla fine siamo sempre noi e non siamo cambiati così tanto (e ha ragione da vendere, è identica a se stessa venticinque anni fa!), abbiamo solo un po’ più persone in casa.

C, collega di mia moglie, compagno di qualche pranzo al Time Out in compagnia, ma che ci fa lì?

Con B ci diamo appuntamento a stamattina alla prima ora per appassionanti esercizi di equazioni di secondo grado.

E, invece si lamenta scherzosamente che ormai ci vediamo dappertutto, a scuola, a cantare e ora qui…

Di nuovo incontro il supermegablogger, anzi quasi ci sbatto contro, ma nemmeno questa volta colgo l’occasione di presentarmi, visto che #2 è davanti a me e si infila tra le gambe di chiunque pur di sfuggirmi.

Ouzo mi saluta di sfuggita e mi rimprovera per la mia “stitichezza” nel pubblicare post sul presente blog e io, ormai perso tra decine di universi paralleli, non ho la forza di rispondergli se non ridendo.

E infine, quando ormai mi gira la testa, un macchinone si ferma di fianco al mio pandino nero e ne esce un manone appartenente a un omone che mi apostrofa con un vocione dicendo: “adésa a gh’la dàgh dabon la man a chilù”. Do la mano a Luca, che non vedo probabilmente dai primi anni novanta e che ho ritrovato qualche tempo fa grazie a internet, e lui riprende: “Dai, ci vediamo su facebook”.

Sì, è vero, com’è piccola la nostra città, il nostro mondo. Però, anche in questo piccolo mondo, ci si perde, e ci si ritrova.

Un po’ come quando si costruisce un puzzle, a volte si rischia di dimenticare che i tanti nuclei che vengono a emergere come isole in mezzo a un mare di pezzi sperduti appartengono in realtà alla stessa immagine. Meno male che ogni tanto una Festa della Pace dà una scossa alla scatola e mette in evidenza quei pezzi che fanno da ponte, che ricordano l’unità del disegno.

E forse non è nemmeno un caso che sia stato accompagnando i bambini che questa scossa è arrivata.

Annunci

2 commenti

  1. La Festa della Pace. Come dimenticare? Per me così lontana (e mitica) che la insegnerei a scuola nell’ora di epica. L’Odissea e Le cronache di Parmya. Starring: il Mago Fantasy! 🙂

    1. Il Mago Fantasy e mille altri, sul palco e tutt’intorno… Frengo, ad esempio, non è mai sceso! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Back to the Blog

Il blog che viaggia nel mio tempo... ridendoci un po' su

Seicappelli

cos'hai in testa?

testuali parole 2.0

bisettimanale di critica letteraria

khepri65

vivi e lascia vivere

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Alterego Blog

Alterego non è il solito blog

Lola Ivana

Around the world

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Niente stronzate ©

Lo stabile specchio di un evanescente diario

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

frank iodice

Dopo essere stati stampati, i libri dovrebbero essere messi davanti alle scuole, in quelle piccole casette di legno con le porticine anti pioggia, e i bambini e le bambine dovrebbero avere libero accesso a tutte le copie che vogliono.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

Interlinea due

"A volte si svela l'anima solo per vedere se c'è qualcuno in grado di ascoltarla"

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Cee's Photo Challenges

Teaching the art of composition for photography.

Ornitorinko

Storie di esperienze in giro per il mondo

pica cordoba

90 DAYS IN EAST TIMOR

Street Photography

Straßenfotografie • Beobachtungen am Wegesrand

Etcetera Etcetera Etcetera

... about nothing in particular, because "Candid photography is like a box of chocolates. You never know what you're gonna get". Photography by Lignum Draco, "The Wood Dragon" since 2013.

I am You. We are God.

A Call To Consciousness

Pixxxel.org

...einfach Fotos

But Is It Art?

Pictures by Declan O'Doherty

GLOBAL SAFARI

"Two roads diverged in a wood and I – I took the one less traveled by." – Robert Frost

Wish - Caroline Wilde

La vita a volte prende pieghe misteriose. Basta crederci. Basta... esprimere un desiderio.

Javanese Wanderer

my stories, travel journal and my photo collection

Books, Music, Photography, & Movies

My views on the above and some...

MissGreenSheep

arts, crafts & more ...

Photo avant-garde

Photography at a different level

redstuffdan

Original Pictures

Written By Nikki

Freelance Writer and Blogger

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Standing Ovation, Seated

HELPING PEOPLE UNDERSTAND ART

The Amateur Camera

Capturing the simple pleasures in life & the world around me...

lyndamichele

Just another WordPress.com site

Ooggetuige

A picture is worth a thousand words

The Syllabub Sea

Where I'm free to be me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: